OS X 10.10 potrebbe non essere come iOS 7, ecco perché

1178
1
CONDIVIDI

Il Mac ha da poco compiuto 30 anni. Cogliendo al volo l’occasione datagli da tale anniversario, Jason Snell diMacworld ha intervistato tre dei più importanti dirigenti Apple, ovvero Phil Schiller, Craig Federighi e Bud Tribble, rivolgendo loro alcune interessanti domande sul passato e sul futuro dei prodotti Mac. L’intervista merita assolutamente di essere letta, ma con questo articolo noi vogliamo evidenziare quei passaggi che più ci hanno incuriosito, anche perché riguardano il futuro dei computer Apple.

Tutti crediamo che OS X 10.10 introdurrà un’interfaccia grafica tutta nuova, più simile a quella vista su iOS 7. Era impossibile infatti aspettarci un aggiornamento grafico simultaneo, ma è anche lecito aspettarsi tale mossa, visto che da sempre Apple vuole che l’esperienza utente sia il più facile possibile, ed ora, con due sistemi operativi così diversi fra loro, non è che l’esperienza utente sia così user-friendly.

Craig Federighi, durante l’intervista in questione, spiega perché OS X ha un’interfaccia diversa da iOS:

“La ragione per la quale OS X ha un’interfaccia diversa da iOS non è perché uno è venuto dopo l’altro, o perché uno è vecchio ed uno è nuovo. Semplicemente l’utilizzo di mouse e tastiera non fornisce la stesso esperienza utente del touch-screen. Questo dispositivo (dichiara Federighi indicando lo schermo schermo di un MacBook Air) è stato affinato per oltre 30 anni per essere così ottimale.”

La nuova versione di OS X sicuramente prenderà tante novità da iOS 7, come AirDrop o le notifiche migliorate, ma dopo aver letto questa intervista non credo più all’ipotesi di un completo restyling in stile iOS 7. L’interfaccia potrà essere piatta sì, ma non come su iOS 7. Le risposte che attendiamo le avremo tutte entro quest’anno, quindi non ci resta che attendere.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • rendermaxx

    non vedo l’ora…..