Ericsson e Unitel presentano per la prima volta in Africa la tecnologia LTE

885
0
CONDIVIDI

Per la prima volta in Africa, Ericsson, grazie alla collaborazione di Unitel, principale operatore di telecomunicazioni dell’Angola, ha mostrato con successo la tecnologia Carrier Aggregation LTE Advanced (LTE-A). La dimostrazione è stata fatta su entrambe le bande di frequenza a 1800MHz e 900MHz di una rete commerciale, utilizzando un terminale commerciale e si è svolta il 18 dicembre, quando Unitel ha trasferito i dati attraverso la sua rete a Luanda.

LTE Carrier Aggregation è il passo successivo nell’evoluzione dei servizi di banda largamobile ad alta velocità, consentendo agli operatori di sfruttare al massimo lo spettro esistente combinando più bande al fine di ottenere velocità di download più elevate.

Amilcar Safeca, Deputy CEO Unitel, in merito a questa novità ha dichiarato:

“Unitel innova in continuazione per migliorare l’esperienza del cliente. Con il passaggio a livello globale a maggiori velocità di accesso ai dati per sofisticati  servizi video e in mobilità, stiamo potenziando la nostra rete per garantirecostantemente servizi di alta qualità ai nostri abbonati che sono molto esigenti. Con questa demo, siamo sulla buona strada per la rete mobile più avanzata in Angola e, forse, nelprossimo futuro in Africa. Stiamo lavorando con Ericsson per rendere possibile tutto questo.” 

Magnus Mchunguzi, Vice Presidente Ericsson Africa sub-sahariana, invece ha affermato:

“Utilizzando la tecnologia LTE-A, gli operatori possono migliorare la loro capacità di rete e migliorare l’esperienza degli utenti sulla banda larga mobile, consentendo in futuro una velocità di trasferimento dati fino a 1 Gbps . Questa demo inserisce Unitel nella lista molto ristretta dioperatori mondiali che hanno dimostrato la tecnologia LTE-A su una rete live utilizzando un terminale commerciale. Siamo molto orgogliosi di aver collaborato con Unitel al raggiungimento di questo risultato, consolidando ulteriormente il nostro rapporto di lungadata.”

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS