L’internet delle cose

90
0
CONDIVIDI

Lo sapevate che tra qualche anno la casa sarà completamente connessa? Se ben attrezzata con i sensori può fare tutto da sola riconoscendo se il proprietario è uscito.  Le automobili in questo caso sembrano essere un passo avanti, la Audi nello specifico, sembra essere tra le più vicine a lanciare sul mercato una macchina che si guida da sola con l’uso di telecamere a sensore che in situazione di traffico non ha bisogno di mani sul volante né sui pedali. Si ipotizza che verrà messa sul mercato entro un paio d’anni ed userà un sistema operativo Android; Google, infatti,  ha già siglato un accordo con diverse case automobilistiche. L’obiettivo e quello di ridurre gli incidenti nei momenti di guida noiosa che fanno calare lo stato di attenzione delle persone. 

Quest’anno al CES di Las Vegas, una fiera dell’elettronica di consumo, erano presenti decine di congegni e dispositivi che lasciano intravvedere come sarà il futuro prossimo. Largo spazio alle tecnologie che consentono di simulare processi della vita di ogni giorno, si va verso l’internet delle cose. Se questo è il paradigma dei prossimi anni, ci sono settori che operano già nel futuro, come i giochi.

Sono alla fase di collaudo sensori in grado di monitorare lo stato d’animo del giocatore di un videogame e di proporre esperienze regolate in base allo stress e casinò online che mettono in contatto giocatori reali con croupier altrettanto reali come nelle roulette live aams. Un sistema di tecnologie interconnesse dove il virtuale e il reale si mischiano producendo una realtà nuova, ibrida. Dove le contaminazioni degli elementi della tradizione si innestano sulle innovazione. La possibilità è quella di poter giocare alla roulette dappertutto e in qualsiasi momento, stesso discorso vale per altri giochi a soldi come il blackjack o il baccarat ad esempio. Un modo per avvicinare la tecnologia alle attività di ogni giorno come il gioco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS