Giochi in streaming: è ancora solo grafica?

672
0
CONDIVIDI

Gli elementi che caratterizzano i giochi spesso sono dominati dalla grafica. Già agli albori dei video giochi negli anni 70 le migliorie grafiche hanno rappresentato uno degli sforzi più intensi degli ingegneri occupati nella progettazione. Gli elementi della trama e i meccanismi di gioco erano spesso ricorsivi, mentre la grafica doveva essere originale. Da qui lo sviluppo di schede grafiche sempre più potenti e l’evoluzione di consolle maggiormente capaci di ricreare un realismo grafico sempre più spinto.

Questa tendenza è supportata dalla volontà di dare all’utente un’esperienza di gioco sempre più realistica, un tema caro agli scrittori cyberpunk e ai film di fantascienza, uno tra tutti, eXistenZ di David Cronenberg del 1999, dove in un futuro molto vicino le realtà parallele del gioco sono disponibili su pod organici collegati direttamente alla spina dorsale dei giocatori.

In questo scenario, parallelamente, si sono sviluppati giochi dove la grafica è sostituita dal video in collegamento remoto. È il caso di 888 casino dal vivo dove alle grafiche a tema si sostituisce la presenza di un croupier vero e proprio che gira la ruota della roulette o fa le carte nel blackjack. Si tratta di un sistema integrato che consente il log dei dati relativi alle fasi di gioco nel server del casino online, è come se si trattasse di un software anziché di gioco tra esseri umani in video streaming e in real time.

Una rivincita dell’elemento umano contro la macchina? Forse. Per quanto avanzata la grafica ancora non sostituisce la realisticità del video in streaming. Per questo occorre aspettare qualche altro anno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS