Governo americano multato per software pirata

995
0
CONDIVIDI

Il crimine non paga, così come è vero che il crimine ruba qualcosa senza il consenso del proprietario. La pirateria nel campo informatico è un grande problema che deve essere risolto al più presto. Apptricity, software house di programmi per la logistica, ha portato in tribunale il governo degli Stati Uniti d’America poiché, in seguito ad un ricerca, è emerso che i soldati usavano software senza la relativa licenza. Sempre secondo Apptricity, il governo americano aveva installato software su oltre 93 server e circa 9.000 dispositivi, senza però possederne la licenza il cui costo è di 1.350 mila dollari per server. Durante le udienze, è emerso come il governo americano dovesse all’azienda circa 244 milioni di dollari per mancanti introiti. La causa si è conclusa con il pagamento da parte del governo di 50 milioni di dollari verso l’azienda.

Una notizia sconcertante. Un paese così potente usa software illegale. La domanda da porsi è: perché? Qual’é il senso di usare software illegale, sopratutto se ci troviamo in un istituzione (e sottolineo, istituzione) pubblica? Scrivetecelo nei commenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS