Microsoft attacca anche i Chromebook

1496
1
CONDIVIDI

Non solo gadget. Microsoft fa sul serio con la sua compagna anti-Google. Attraverso la pubblicazione di un nuovo video, la società con sede a Redmond ridicolizza il Chromebook. La donna protagonista del filmato in questione si reca in un negozio per far valutare il suo computer con sistema operativo Chrome OS. Il negoziante si mette a ridere alla vista del notebook, spiegando alla protagonista che non si tratta di un vero e proprio portatile.

Un PC tradizionale utilizza applicazioni integrate come Office e iTunes, che lavorano anche quando sei offline. Google cerca sempre di trovare altri modi per fare i soldi.

Ovviamente ciò che afferma il commesso non è errato, ma la linea Chromebook è nata proprio sotto questa filosofia, ovvero vendere “computer per il web” a prezzi ridicoli. Non sono computer veri e propri, anche se esteticamente possono sembrare identici.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Luigi Catanoso

    Hai centrato il problema… sono proprio i prezzi a configurarli come veri e propri notebook tradizionali. A volte persino di lusso, come il CromeBook Pixel della stessa Google. L’acquirente è facilmente tratto in inganno