Claytronica: la materia diventa programmabile

671
0
CONDIVIDI

Immaginatevi una libreria che si compone e si scompone su vostro comando, oppure un’automobile che modifica la propria carrozzeria in modo automatico in base al tipo di clima. Fantascienza? Certo che no. Seth Goldstein e Todd Mowry stanno lavorando a questo progetto da diversi anni ormai. Era il 2004 quando tutto ebbe inizio. Oggi, ben 9 anni dopo, si vedono i primi frutti del duro lavoro svolto da questi due ricercatori.

Si chiama claytronica la disciplina che si occupa della creazione e dello sviluppo di nano robot e assemblatoti molecolari. Vengono chiamati “Catomi” i piccoli mattoni intelligenti che compongono tale materia. Ognuno di essi è in grado di immagazzinare energia e contenere al suo interno un microprocessore. Sono in grado di comunicare tra loro, per agganciarsi o assumere forme diverse.

Sono molte le università che si stanno interessando a tale tecnologia. Per maggiori informazioni in merito vi invitiamo a leggere questo articolo pubblicato dai nostri colleghi di TechGenius.it.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS