Fungo di mare

889
0
CONDIVIDI

Esiste una patologia che colpisce nei mesi miti e si evidenzia nei mesi caldi. Stiamo parlando del Fungo di mare, una particolare micosi della pelle che si presenta con delle chiazze bianche e in alcuni casi rosee e marroni, di varie dimensioni.

L’agente patogeno è Malassezia furfur, un lievito lipofico e lipido-dipendente che vive nei follicoli della cute e che diventa parassita patogeno, quando c’è una situazione a lui favorevole come il clima caldo-umido, lipidi o grassi cutanei, secrezione sudorale. Viene denominato “fungo di mare” perché nella maggior parte dei casi questo eczema si manifesta nei mesi estivi, grazie all’abbronzatura.

Il fungo Pityriasi versicolor non risulta contagioso in quanto esso colpisce le persone adulte con eccessiva sudorazione e in ambienti tipicamente estivi. Il fungo di mare può essere diagnosticato da un dermatologo, attraverso un esame delle squame oppure con una lampada di Wood. Come viene trattato? Essendo un fungo orbicolare o ovale, si cura con farmaci antifungini da applicare sulla zona interessata per circa 10 giorni.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS