Ericsson Mobility Report: 5,6 miliardi di SIM associate a smartphone entro il 2019

576
0
CONDIVIDI

Sono numeri impressionanti quelli che ci arrivano da Ericsson Mobility Report. Le SIM sono destinate a raggiungere quota 9.3 miliardi entro il 2019, di cui più del 60% – ossia 5,6 miliardi – saranno sottoscrizioni a smartphone. Le reti WCDMA/HSPA copriranno il 90% della popolazionemondiale entro il 2019, favorendo l’esperienza degli utenti che utilizzano uno smartphone. Inoltre, circa i due terzi (65%) della popolazione mondiale saranno coperti da reti 4G/LTE.

Attualmente, gli smartphone rappresentano il 25-30% di tutte le sottoscrizioni alla telefonia mobile e rappresentano oltre la metà (55%) dei telefoni cellulari venduti nel terzo trimestre 2013. Riepiloghiamo i punti salienti di tale ricerca:

  • Le sottoscrizioni alla telefonia mobile sfioreranno i 9,3 miliardi entro il 2019, 5,6 delle quali saranno associate a smartphone;
  • Nel 2019 il 90% della popolazione mondiale sarà coperta da reti WCDMA/HSPA e il 65% da LTE;
  • Tra il 2013 e il 2019 le sottoscrizioni associate a smartphone triplicheranno e il traffico mobile crescerà di 10 volte.

Douglas Gilstrap, Senior Vice President e Head of Strategy di Ericsson, afferma:

“Il rapido ritmo di crescita degli smartphone è stato fenomenale ed è destinato a continuare. Ci sono voluti più di cinque anni per raggiungere il primo miliardo di SIM associate a smartphone, ma ne serviranno meno di due per arrivare a quota 2 miliardi. Da oggi al 2019 le sottoscrizioni associate a smartphone triplicheranno. È interessante notare che questa tendenza sarà guidata dalla loro diffusione in Cina e dagli altri mercati emergenti dove sono disponibili modelli di smartphone a prezzi inferiori.”

Il traffico generato dagli smartphone aumenterà di 10 volte nel periodo compreso tra il 2013 e il 2019, raggiungendo quota 10 exabytes. Il traffico generato da video cresce del 55% ogni anno e rappresenterà più del 50% del traffico dati mobile nel 2019, mentre i social network e i servizi web equivarranno a circa il 10% ciascuno.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS