Il Taping kinesiologico

370
0
CONDIVIDI

I

Il Taping kinesiologico è un metodo di allenamento usato nel campo della fisioterapia sportiva come aiuto prima, durante e dopo il gesto atletico. In pratica costituisce un valido supporto per il muscolo, corregge l’allineamento articolare e favorisce una migliore circolazione sanguigna. Il nastro, che va poi posizionato sulla parte del corpo da correggere, ha il compito di stimolare i recettori cutanei e sotto cutanei, dando così lo stimolo nervoso al muscolo affinché esso funzioni correttamente.

Il Kinsiotape è costituito da un adesivo coperto da un liner di carta facilmente rimovibile, è in cotone, è resistente all’acqua e può essere utilizzato anche da persone anziane, bambini e donne in stato di gravidanza, in quanto non possiede nessun principio attivo. Il meccanismo di azione del Taping kinesiologico ha come obbiettivi quelli di supportare il muscolo durante il movimento, alleviare il dolore, correggere un eventuale allineamento articolare scorretto e favorire il drenaggio dei liquidi in eccesso, attivando una risposta linfodrenante. Questo tipo di bendaggio neuromuscolare può avere degli effetti negativi: risulta più o meno efficace quando il bendaggio viene posizionato in modo scorretto e quando si ottiene un’eccessiva compressione della zona bendata.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS