Nathan Sawaya: l’uomo che fa arte con i LEGO

307
0
CONDIVIDI

Questo artista non potrebbe vivere senza i suoi LEGO. Si chiama Nathan Sawaya, un uomo che vanta nella propria collezione ben due milioni e mezzo di pezzi LEGO, che utilizza per creare vere e proprie opere d’arte. In molti si cimentano in tale arte, ma nessuno riesce a realizzare opere così complesse come quelle di Sawaya. È arrivato a creare opere davvero impegnative, come lo scheletro di un tirannosauro lungo sei metri o un cartello pubblicitario alto 4,5 metri e lungo sei per il quale sono stati necessari oltre 500 mila pezzi.

Vi lasciamo ad un’intervista pubblicata da Wired.it e ad una galleria con le sue migliori opere.

 

La prima domanda è di rito: come nasce il processo creativo? 
Dipende dalla scultura, ma tutto inizia con un’idea. Porto sempre con me un blocco così posso scarabocchiare le mie idee ogni volta che mi vengono in mente. Visto le mie molte mostre nel mondo ho occasione di viaggiare parecchio e così tiro fuori le idee come sono in giro.

Disegni le tue idee o usi software CAD?
A volte uso un computer per aiutarmi con cose come la posizione del corpo ma per lavorare incollo ogni mattoncino con l’altro, uso unoo scalpello e un martello per spezzare i mattoni nel caso faccia qualche errore.

Quanto tempo impighi per ogni opera?
Le sculture più grandi richiedono intere settimane, è chiaro che è necessario essere pazienti per fare questo lavoro.

Qual è la tua fonte d’ispirazione?
Quando ho iniziato sono stato influenzato dalle sculture di Tom Friedman. Le sue opere realizzate con oggetti comuni mi ha aiutato a capire che anch’io avrei potuto fare dell’arte usando i Lego. Anche Antony Gormley è stata una fonte d’ispirazione senza dimenticare Tony Hawk, una persona che ha seguito le sue passioni e le ha trasformate in un lavoro.

Perché proprio i Lego?
Voglio che la mia arte dia accessibile a tutti così le persone possano essere ispirate dalle mie opere e poi usare i giochi per bambini rende i miei lavori molto riconoscibili.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS