Lipofilling: protesi al seno a base di grasso corporeo

310
0
CONDIVIDI

Insieme alla Liposuzione, la Mastoplastica additiva è uno degli interventi di chirurgia plastica più richiesta. Avere un seno grande e sodo è decisamente il sogno di molte donne. Dopo lo scandalo delle protesi PIP (Poly Implant Prothese) però, la paura di andare incontro a infezioni è sempre più alta.

Esiste però una pratica che usa il grasso corporeo anziché il silicone. Questa tecnica viene chiamata lipofilling e consiste appunto nell’estrazione di una certa quantità di grasso da una zona detta “donatrice” come cosce, fianchi e addome. Il grasso poi viene centrifugato, depurato e iniettato nelle mammelle. Il trattamento di lipofilling è una tecnica chirurgica meno invasiva impiegata non solo per aumentare le dimensioni del seno, ma anche per volumizzare e migliorare i glutei, il viso, definire zigomi, guance e mento etc. Non sono stati ancora effettuati studi scientifici sulla sicurezza del grasso corporeo, quindi i rischi ci sono e vanno sempre valutati affidandosi all’esperienza di chirurghi altamente qualificati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS