Polemica Schalke-Polizia, nessun agente all’interno dello stadio

124
0
CONDIVIDI

I tifosi dello Schalke 04 hanno avuto la loro personale vittoria. Dopo le accese polemiche avute nel post partita Schalke – Paok di Champions League (dove la polizia intervenì in curva in maniera “eccessiva” con manganelli e spray al peperoncino solamente perchè i tifosi dello Schalke esposero uno striscione provocatorio con scritte in macedone) il Ministro dell’Interno tedesco Ralf Jäger  ha deciso di non inviare nessun agente all’interno della Veltins Arena e che il servizio d’ordine sarà d’ora in poi a carico dello Schalke 04.  I tifosi dello Schalke infatti, dopo aver definito “eccessivo e vergognoso” l’intervento della polizia, hanno dichiarato attraverso Markus Mau, capo del “Schalker Fanprojekts” di non avere più fiducia nelle forze dell’ordine e di non volerle più all’interno dello stadio. Il portavoce del Ministero dell’Interno ha così dichiarato che la polizia antisommossa non sarà più inviata (né all’esterno e né all’interno) e che rimarrà solamente un servizio di controllo “normale” all’esterno dello stadio. Non sono totalmente d’accordo sia il Direttore finanziario dello Schalke Peters che il dg Heldt, che hanno subito chiesto di incontrare il ministro per discutere della situazione e trovare all’interno di una discussione costruttiva una base per lavorare nuovamente insieme. Per sbloccare la situazione servirà ancora molto, anche perchè il Sindacato di Polizia si è schierata al fianco del ministro perchè indignato delle parole e delle offese dette dai tifosi dello Schalke e dai loro club.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS