Non più tattoo ma scarificazione

1088
0
CONDIVIDI

Una pratica decisamente dolorosa e per molti versi discutibile, certo è che sulla nostra pelle siamo liberi di fare ciò che più ci piace. Questa tecnica della scarificazione della pelle sta diventando una vera e propria mania, sono sempre più le persone che si fanno incidere la pelle per ottenere dei tatuaggi in 3D.

Lo strumento utilizzato è simile ad una penna, ma utilizza la corrente elettrica per bruciare la carne, anziché la classica macchinetta ad aghi che inietta l’inchiostro sotto la superficie della pelle come nel tatuaggio tradizionale. E’ lo stesso strumento che i dentisti usano normalmente per praticare fori o i chirurghi per bruciare le cellule tumorali. Il branding umano, noto anche come scarificazione, è l’ultima mania della body art.

Whelan, l’uomo più tatuato della Gran Bretagna e che ha cambiato legalmente il suo nome in His Royal Majesty Body Art, King of Ink Land (Sua Maestà Reale della Body Art, Re della Terra dell’Inchiostro), ha detto che sta facendo la scarificazione per ‘migliorare’ i tatuaggi tribali che ha sul volto.

Sono davvero ispirato dalle tribù maori e ci tengo che tutti i tatuaggi tribali che ho sul viso diventino tridimensionali. So che è estremo, ma questo è il mio modo di esprimere me stesso e la mia scelta di vita. Mi piace

fonte | notizie

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS