2. Bundesliga: Il punto dopo la 4a Giornata

86
0
CONDIVIDI

La premessa di questa analisi della 4a giornata di 2. Bundesliga è un andamento parallelo a quello della serie maggiore con un numero sempre abbastanza basso di pareggi: 2 su 9 partite, Arminia BielefeldPaderborn e BochumSt. Pauli, con 10 reti segnate in totale a garanzia di un coefficiente spettacolo pur sempre elevato. Anche per la Zweite, con somma evidenza, vale il principio del “chi si ferma è perduto” poiché la serie cadetta tedesca è un campionato lungo sì, ma inesorabile e trovare la continuità di risultati da subito significa non dover soffrire nelle fasi più faticose del torneo, in particolar modo dopo la lunga pausa invernale.

Il 4° spieltag ha fatto registrare vittorie importanti nel senso che alcune di esse assumono un significato particolare non solo in funzione di una classifica che si va via via ulteriormente delineando stabilendo alcune gerarchie, ma anche riferendosi autoreferenzialmente alla propria identità e al proprio processo evolutivo rispetto ai club in oggetto.

Il Greuther Fürth vincendo a Karlsruhe dopo essere stato in svantaggio (come la settimana scorsa contro il Kaiserslautern) incomincia a imporre l’autorità di una squadra forte nel collettivo che disponendo di buoni giocatori, se presi individualmente, è proprio nell’essere squadra che trova il proprio punto di forza, quell’unità il cui valore è maggiore della somma dei singoli. Kramer sa che l’obiettivo è uno solo, quello di tornare in Bundesliga, e ha creato le condizioni mentalmente idonee per il raggiungimento di questo traguardo. Non essendo una compagine dal gioco appariscente il Fürth ha fatto del suo pragmatismo l’arma migliore e la mentalità vincente va di pari passo con una grande sintonia a livello di squadra (formazione tra l’altro in cui non trovano spazio le “prime donne”), un affiatamento che sicuramente mancava durante la scorsa stagione. Kramer ha saputo in sostanza ricostruire mattone dopo mattone una realtà solida e organizzata, cosa che a questi livelli fa la differenza.

Anche Kaiserslautern e Monaco 1860 hanno vinto due match importanti. Il K’lautern ha avuto la meglio su una squadra molto fastidiosa, allenata da una vecchia volpe come Falco Götz che a Aue sta facendo un lavoro encomiabile, una squadra che sa essere insidiosa e che bisogna impegnarsi a battere perché non regala assolutamente nulla. Il Monaco ha ottenuto una vittoria ancora più importante perché ha vinto contro se stesso, contro una giornata d’inerzia nella quale le cose non hanno girato nel verso giusto e che invece grazie a giocatori del calibro di Stark e Stoppelkamp e all’autorete di Roger alla fine è riuscito a portare a casa 3 punti fondamentali che consentono di non far perdere il treno dell’alta classifica. E si sa che le vittorie ottenute quando si gioca male valgono doppio.

Anche la vittoria del Colonia contro il Sandhausen (tutt’altro che scontata vista la fase di crescita della squadra allenata da Schwartz), essendo la prima dopo tre pareggi un po’ insipidi ha un sapore particolarmente dolce, soprattutto per Stöger che alla vittoria ci aveva fatto un po’ la bocca conquistando nella passata stagione il titolo di campione d’Austria con l’ Austria Vienna e al quale invece in Germania vincere sembrava diventato un tabù, soprattutto in considerazione del fatto che è stato chiamato appositamento per quello.

Una vittoria invece fondamentale per quanto riguarda il discorso principalmente psicologico di autostima e identità ritrovata è quella netta e rotonda del Francoforte ai danni di una Dinamo Dresda colpevolmente deconcentrata (e che è costata non a caso l’esonero a Pacult). Sembravano infatti inspiegabili le due sconfitte iniziali dopo una scorsa stagione nella quale la formazione guidata da Möhlmann aveva fatto vedere meraviglie, e a riguardo della quale il tifo francofortese aveva cominciato ad avere certe aspettative per questa stagione.

Alcune considerazioni meritano di essere fatte anche sul rovescio della medaglia, ovvero sulle sconfitte maturate in questa 4a giornata. La più vistosa e tuttavia forse una delle meno gravi è quella dell’ Aalen contro l’ Energie Cottbus. Anche l’Aalen, come il Sandhausen, sembrava essersi svegliato dal torpore e questo può costituire un passo falso che potrebbe inibirne la fase di crescita. Però è anche vero che il Cottbus ha l’attacco migliore del campionato, quantitativamente e qualitativamente, quindi se è in giornata fa la classica goleada. Quella meno eclatante e più sfortunata è invece la più preoccupante, ovvero quella dell’ Ingolstadt contro il Monaco 1860, perché è la quarta su quattro gare disputate, quella che fa di nuovo registrare una tabula rasa sulla tabella della classifica con l’Ingolstadt che non ha saputo approfittare di una squadra in oggettiva giornata no. Questo lascia poche speranze per l’imminente futuro e mina alla base la fiducia di un club che già di per sé presenta diversi elementi di debolezza. Altra sconfitta inappellabile è quella accennata del Dresda, che ha comunque già preso provvedimenti, non sappiamo quanto opportuni visto che il DS Menze si è seduto sulla panchina ad interim. Di tutt’altro tenore l’1-2 subito dal Fortuna Düsseldorf nel Monday Night con l’ Union Berlin (altro club sulla buona strada delle conferme) perché la squadra capitanata da Büskens comunque se l’è giocata a viso aperto fino alla fine, cercando di ribattere colpo su colpo. La squadra c’è e si vede e la cosa davvero rilevante è che non molla mai e sarebbe un errore gravissimo sottostimarla e darla per annientata anche con passivi ben più pesanti.

Risultati 4a giornata

Karlsruhe – Greuther Fürth  1 – 2
Arminia Bielefeld – Paderborn  3 – 3
Bochum – St. Pauli  2 – 2
Kaiserslautern – Erzgebirge Aue  2 – 1
Colonia – Sandhausen  2 – 0
Monaco 1860 – Ingolstadt  1 – 0
Energie Cottbus – VfR Aalen  5 – 1
Dinamo Dresda – FSV Francoforte  0 – 3
Union Berlin – Fortuna Düsseldorf  2 – 1

Prossimo turno

Venerdì 23 agosto
ore 18:30
Sandhausen – Karlsruhe
Ingolstadt – Arminia Bielefeld
Erzgebirge Aue – Energie Cottbus

Sabato 24 agosto
ore 13:00
Greuther Fürth – Colonia
VfR Aalen – Kaiserslautern

Domenica 25 agosto
ore 13:30
Fortuna Düsseldorf – Bochum
FSV Francoforte – Union Berlin
Paderborn – Monaco 1860

Lunedì 26 agosto
ore 20:15
St. Pauli – Dinamo Dresda

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS