Raj Mohan Nair, l’uomo immune all’elettricità

534
0
CONDIVIDI

“Electro-man”, questo il nome con cui tutti ormai chiamano Raj Mohan Nair, per la sua capacità di non subire conseguenze fisiche dall’elettricità: normalmente un essere umano rimane ucciso con correnti elettriche con intensità dell’ordine del decimo di Ampere, mentre Electro-Man è rimasto immune anche a intensità di diversi Ampere.

Raj ha scoperto il suo “potere” da piccolo, in seguito ad una tragedia: quando aveva sette anni è morta sua madre e lui disperato, ha tentato il suicidio salendo su un traliccio elettrico e prendendo in mano i cavi dell’alta tensione. Ma con suo enorme stupore non gli è successo nulla.

I medici non sono riusciti a comprendere le ragioni della resistenza di Raj alla corrente elettrica, ma solo di confermare che correnti dieci volte più alte di quelle che normalmente ucciderebbero un essere umano lasciano lui illeso. I rari “conduttori umani” conosciuti sono spesso persone che hanno condizioni mediche particolari, come l’assenza di ghiandole sudorifere e salivarie, cosa che fa sì che la corrente in realtà non passa all’interno del corpo ma lungo la pelle.

In Raj, l’unico effetto del passaggio della corrente sarebbe una temporanea perdita di visione (cosa che fa pensare che la corrente passi effettivamente all’interno del suo corpo), che però torna normale quando la corrente viene interrotta.

fonte | notizie

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS