Scienziati al lavoro su un nuovo modo di rilevare le impronte digitali

741
0
CONDIVIDI

Chiunque sia appassionato di polizieschi sa bene quanto siano importanti le impronte digitali al fine di concludere un’indagine. Quello che pochi sanno è che in realtà solo il 10% di tutte le impronte presenti su una scena del crimine può essere usato in tribunale. Tuttavia, una nuova tecnologia potrebbe presto aiutare la polizia scientifica a identificare più velocemente il criminale, e a chiudere nel minor tempo possibile un caso.

Gli scienziati dellUniversità di Leicester, infatti, stanno lavorando ad una nuova tecnologia in grado di rivelare sulle superfici metalliche (pistole, coltelli e maniglie delle porte) qualsiasi impronta presente sulla scena, sia quelle latenti sia quelle che il criminale ha provato a cancellare. In pratica se il malvivente non dovesse portare i guanti, la polizia scientifica sarà in grado di rivelare le sue impronte digitali.

fonte | TechnoBuffalo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS