NGM rettifica: la linea Aquasafe è perfettamente impermeabile

802
0
CONDIVIDI

In questi ultimi giorni sono partite pesanti accuse nei confronti di NGM per aver realizzato e pubblicizzato dispositivi resistenti all’acqua che in realtà all’atto pratico non si sono dimostrati tali.

Oggi l’azienda italiana ha voluto rispondere a tali accuse, secondo loro del tutto infondate, con un comunicato stampa che vi riportiamo di seguito:

In questi giorni sono state diffuse, probabilmente su impulso di concorrenti, notizie imprecise in ordine ai cellulari della linea Aquasafe che meritano di essere corrette. Nessun Tribunale o Autorità ha affermato che i cellulari della linea Aquasafe non sono resistenti all’acqua o alle intemperie.

I cellulari della linea Aquasafe hanno realmente un grado di resistenza agli agenti atmosferici ed all’acqua ed una resistenza agli urti superiori rispetto a quelli di un comune cellulare. In particolare il modello Explorer è stato certificato come grado di protezione IXP68 da tre diversi enti e nessuno mai in alcuna sede ha contestato la fondatezza di tale grado di protezione.

I modelli Voyager, Stealth, Swat e Raptor sono anch’essi resistenti all’acqua ed agli eventi atmosferici ma con un grado inferiore all’IPX5 precedentemente dichiarato da NGM Italia S.r.l. sul proprio sito in virtù dei test forniti dal assemblatore.

NGM Italia S.r.l. appena si è resa conto di quanto sopra ha provveduto immediatamente a correggere il messaggio pubblicitario ed a modificare le confezioni dei suddetti modelli.

Ciò nonostante l’AGCOM ha ritenuto di sanzionare NGM Italia S.r.l. per il messaggio pubblicitario pubblicato sul proprio sito Internet dal 20 Settembre 2012 al 30 Novembre 2012 ritenuto scorretto in relazione all’indicazione del grado IPX5 per i quattro modelli di cui sopra.

NGM Italia S.r.l. sta predisponendo ricorso al TAR del Lazio contro la decisione dell’AGCOM che ritiene ingiusta e sproporzionata anche in considerazione del breve lasso di tempo in cui la pubblicazione ha avuto luogo e della sua assoluta buona fede.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS