L’unione europea interroga gli operatori per trovare prove contro Apple e le sue pratiche di vendita

963
0
CONDIVIDI

L’unione Europea ha avviato una pratica di antitrust contro Apple: è accusata di aver fatto uso di pratiche di vendita scorrette assieme agli operatori di tutta europa.

L’UE ha inviato alcuni questionari agli operatori, dove indicare i dettagli dei metodi di distribuzione e vendita che Apple ha utilizzato: questo perché Apple avrebbe obbligato gli operatori a comprare un minimo di device ciascuno, e si sarebbe assicurata il mercato facendo pressioni sugli operatori stessi perché non facessero miglior accordi di vendita con altri produttori di smartphone.

Ci sono indizi anche che Apple fornisse o meno dispositivi 4G a seconda dell’operatore, in modo da metterli sotto pressione durante le vendite: secondo Swisscom, Apple è l’unica a voler testare personalmente i dispositivi sulla linea 4G, normalmente , infatti, è l’operatore stesso a decidere se il device è adatto.

A questo punto, non vi è alcuna indicazione che un’indagine sarà avviata presto, ma è possibile che l’Unione Europea stia prestando maggiore attenzione al business di Apple e di eventuali elementi anticoncorrenziali.

fonte | The Next Web

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS