PlayStation 4 potrebbe inserire sistemi di blocco nell’usato

1036
0
CONDIVIDI

Torna alla ribalta un rumors trapelato pochi giorni giorni dopo la presentazione della Playstation 4, il quale parlava di un possibile sistema da parte Sony per la vendita dei videogiochi usati. Ad oggi ci sono delle novità, ma non sono assolutamente positive.

Dopo la presentazione di Xbox One, la quale monterà su un sistema molto simile per il blocco dell’usato, anche Sony inizia ad interrogarsi sull’argomento, accennando al fatto che forse inserirà all’interno dei videogiochi di Playstation 4 i DRM.

Per DRM (Digital Rights Management), il cui significato letterale è gestione dei diritti digitali, si intendono i sistemi tecnologici mediante i quali i titolari di diritto d’autore (e dei cosiddetti diritti connessi) possono esercitare ed amministrare tali diritti nell’ambiente digitale, grazie alla possibilità di rendere protette, identificabili e tracciabili le opere di cui detengono i diritti, quindi scongiurarne la copia e altri usi non autorizzati. Si tratta di misure di sicurezza incorporate nei computer, negli apparecchi elettronici e nei file digitali.

Le indiscrezioni sono iniziate a circolare la scorsa settimana durante l’ultimo episodio di ‘Bonus Round’ di GameTrailers, in cui il giornalista Geoff Keighley, discutendo delle politiche di Xbox One, ha detto:

“Posso dire per certo che l’incubo che ha coinvolto i PR Microsoft nella passata settimana non è passato inosservato da Sony e che loro, di fatto, hanno una ‘soluzione’ funzionante per i giochi usati, ma stanno facendo avanti e indietro da mesi sulla decisione se adottarla o meno. La settimana appena trascorsa li sta spingendo con forza a propendere per “Ok, non la usiamo”

Insomma, la situazione sembra farsi seria, e come al solito chi ci rimette sono sempre i consumatori, che oltre alle varie spese che devono subire, forse da ora, dovranno anche pensare all’usato in modo diverso da prima.

fonte | the next web

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS