HTC in caduta libera verso il tracollo

1152
0
CONDIVIDI

Negli ultimi mesi sono stati molti i segnali che indicano un possibile tracollo di HTC, azienda produttrice di dispositivi per la telefonia mobile: no degli ultimi è l‘abbandono del campo da parte di Kouji Kodera, CPO della società.

L’abbandono di Kodera, però, non è un caso isolato per la società: solo negli ultimi 3 mesi sono molti coloro che hanno deciso di abbandonare la società per trovare fortuna altrove. E’ il caso di Jason Gordon, vice presidente per le comunicazioni, Rebecca Rowland, manager per il retail marketing, Eric Lin, manager per la strategia prodotti e John Starkweather, il quale stava a capo del marketing digitale.

Tutti questi abbandoni avvengono in un periodo non molto facile per HTC, che sta disperatamente provando il tutto per tutto per risollevare le sue sorti, con scarsi risultati. Con l’HTC One prima, con grossi problemi di distrubuzione, e l’HTC First  lanciato in collaborazione con Facebook dopo, la società sembra sempre più prossima a uno stato di vera e propria crisi.

Basta considerare che proprio il First è stato recentemente ribassato di prezzo, in America, passando dagli iniziali 99$ con contratto ad appena 0,99$.

Chi ha lasciato HTC alle spalle, inoltre, ci tiene a far sapere di aver fatto la scelta giusta, come il già sopra citato Eric Lin, che su Twitter invita i propri colleghi ad abbandonare il proprio posto di lavoro, scrivendo:

A tutti i miei amici che ancora lavorano per @HTC: mollate. andatevene ora. E’ una cosa dura da fare, ma sarete molto più felici. Ve lo giuro.

Riuscirà la società a risollevare le proprie sorti sottraendo quote di mercato a Samsung, suo maggior rivale sul settore Android?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS