E se Apple e Google si (ri)unissero?

2357
6
CONDIVIDI

Guardando il Google I/O 2013 un pensiero mi balenava in testa facendomi urlare dentro dalla rabbia: ma se Apple e Google si (ri)unissero? Ho deciso di porre a voi questa domanda realizzando di conseguenza un articolo che potesse darvi un’idea di quello che Google e Apple sarebbero in grado di fare insieme.

Partiamo da un concetto di base che non va assolutamente trascurato: il guadagno economico. Apple e Google sono due delle aziende più importanti del pianeta in termini economici. Questa unione che tanto mi piacerebbe veder concretizzata ovviamente non prende in considerazione questo aspetto. Ma di una cosa sono certo: attualmente le due aziende si sottraggono parecchi soldi a vicenda.

Ma passiamo all’aspetto più pratico: i prodotti. Cosa fa Apple di così straordinario per i clienti? I prodotti e i software. Inutile prenderci in giro: Mac, iPhone e iPad sono i tre prodotti tecnologici per eccellenza, così come il sistema operativo OS X, assolutamente il miglior sul mercato attualmente. E Google invece? Beh, Google offre i servizi. Immaginatevi un internet senza Google. Invivibile a mio avviso.

steve_jobs_and_eric_schmidt_at_iphone_launch_jan_9_2007_30_pct

Durante il Google I/O vedevo un nuovo servizio dopo l’altro. Un Google Maps nuovo di zecca, un Google+ graficamente più pulito e accattivante, per non parlare di Android. Più passavano i minuti e più mi tornava in mente quella domanda: ma se questi servizi fossero sviluppati appositamente per OS X e iOS?

La mia immaginazione si è spinta oltre, arrivando a pensare ad una sorta di patto tra le due società: Apple per hardware e software e Google per i servizi. Un patto che in realtà è già esistito, vedi app nativa Google Maps su iOS. Immaginatevi ora, proprio come ho fatto io in quella circostanza, un Mac stracarico di app “made in Google”, oppure un iPhone con Google+ incorporato e Chrome come browser principale. Niente più servizi di Mappe arroccati per Apple e niente più Nexus dallo scarso successo per Google. L’iPhone diventerebbe lo smartphone ufficiale di Google, su cui trovare presenti nativamente tutti gli straordinari servizi offerti da Big G. Niente più Chromebook Pixel (inutili quanto un sottobicchiere con quel sistema operativo acerbo), ma veri e propri computer – Mac – con a disposizione (nativamente) i vari Keep, Drive, Maps, Google+ e via discorrendo. Pensate a YouTube con integrate le funzionalità di iMovie, oppure una versione dell’app Mail su OS X appositamente studiata per Gmail.

imac G+

E Android? Il sistema operativo mobile di Google ovviamente dovrebbe fondersi con iOS secondo il mio immaginario. Ovviamente non è un discorso fattibile per via della questione Open Source, ma molte delle caratteristiche presenti in questo S.O. mobile calzerebbero a pennello su iOS.

Ripeto, questo è un articolo di pura follia, ma fermatevi per un secondo e immaginatevi Apple e Google come una cosa sola. Hardware e software prodotto da Apple con servizi targati Google a completare il tutto.

Che ne pensate? Un’unione tra le due società potrebbe rivoluzionare la tecnologia oppure la bloccherebbe per via della conseguente mancanza di competitività?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • branchello

    hai appena descritto l’inferno dell’informatica

    • furettolo

      bel post che lascia spazi di riflessione.
      Come è stato detto e ripetuto l’articolo è “pura follia”… non vedremo mai una fusione tra Apple e Google.

  • Melafognino

    Cambia spacciatore ^_^ hihihihi (scherzo)

  • creosoto

    c’è una cosa persino peggiore di un Grande Fratello: ed è la gente che sogna di essere assogettata a un Grande Fratello!
    Perchè è questo che molta gente vorrebbe vedere, quando parla di Apple: fusione a 360°, uniformità, morte della concorrenza… Pericoloso!

  • creosoto

    scusate se insisto, ma mi è venuta in mente ora un’altra questione: “le due società si sottraggono parecchi soldi a vicenda”! Ma chi se ne frega???????
    Meglio per noi che possiamo scegliere, mentre loro sono costretti a migliorarsi! C’è una cosa che noi poveri difensori della fede insistiamo a non voler capire: la concorrenza libera avvantaggia NOI!
    E per inciso, se il Nexus ha avuto scarso successo è anche perchè Apple ha fatto carte false per bannarlo negli USA! E l’indice di gradimento americano è uno dei principali metri di comparazione per l’utenza mondiale!
    Usassero i soldi per migliorarsi A NOSTRO VANTAGGIO invece di sperperarli nei tribunali! Ed è un discorso che vale per tutti quanti!

    • Non hai tutti i torti….concordo in pieno, anche se continuo a sognare un accordo Apple/Google.