Peter Belanger, trucchi e segreti del fotografo che scatta i prodotti Apple

1661
0
CONDIVIDI

Come sappiamo Apple è sempre attentissima ai dettagli e esige la massima precisione, anche nelle bellissime foto dei suoi prodotti, che solo un fotografo come Peter Belanger può soddisfare. Peter, che ha lavorato con Apple per tanti anni, ha rilasciato un’interessante intervista a The Verge nella quale descrive tutto il processo di creazione delle sue splendide immagini.

peter

Per prima cosa l’azienda gli fornisce degli accurati disegni, che descrivono le foto che vogliono, e una lista di scatti da fare.

Il team alla Apple ha sempre una lista di scatti ben sviluppata e disegni di ciò che gli serve. Io lavoro con i loro talentuosi direttori artistici per tradurre questi disegni in foto. Iniziamo scegliendo la posizione del prodotto e poi andiamo avanti con l’illuminazione. Siccome i prodotti Apple hanno materiali così ben selezionati è molto importante illuminare il prodotto modo da mostrarli accuratamente.

Come mostra l’immagine sotto, Belanger usa una grande quantità di luci e treppiedi per illuminare al meglio i suoi soggetti.

belangersetup

Scelgo una zona con cui iniziare e penso a come quel materiale può essere descritto. Una volta finita questa sezione passo a un’altra. Ecco perché il mio set è così complicato! Ho la necessità di aver il controllo su ogni superficie, così che quando il cliente chiede un punto più illuminato, posso farlo. E’ simile a lavorare un file su Photoshop: non fai tutto il lavoro su un livello. Penso alle mie luci come ai livelli che posso aggiustare individualmente per avere il risultato desiderato.

Belanger ha spiegato che la maggior parte del suo lavoro è fatto al momento dello scatto, ma che poi c’è anche un gran lavoro di post-produzione per far rendere al meglio le foto. La maggior parte delle sue immagini sono scattate con una Canon 5D Mark III, con un obbiettivo 24-70 mm.

Vi lasciamo con un interessante video in cui il fotografo ci fa vedere come ha creato una copertina di Mac Magazine.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS