Fliite permette tweet di gruppo senza consumare preziosi caratteri

1042
0
CONDIVIDI

Proprio stamani non riuscendo a prendere sonno in nessun modo, ho trovato diversi amici su Twitter ed ho iniziato a passare i minuti (divenute poi ore) con loro. Per evitare di intasare le timeline dei nostri follower, ci siamo premurati di menzionarci in ogni messaggio e proprio lì sono nate le difficoltà comuni a chi utilizza molto questo social.

Un tweet, infatti, come saprete può essere composto al massimo da 140 caratteri, e quando menzioniamo i nostri amici, i loro nomi erodono quella già piccola cifra. Se allora in ogni messaggio menzioniamo tre o più persone, riuscire ad esprimere un concetto nei circa 100 (o meno) caratteri rimanenti diventa difficile e in alcuni casi impossibile.

Volendo evitare perciò di ricorrere ad oscene abbreviazioni grammaticali (vedi kecmq, xkè) la soluzione finora era quella di sospendere il pensiero di un tweet con dei punti sospensivi, per poi continuarlo in uno successivo.

Da AppAdvice, però, ci giunge la segnalazione di un app per iPhone chiamata Fliite for Twitter. Quest’app sviluppata da Andrew Davis, al costo di 0,89€, ci permetterà di non sacrificare tutti i 140 caratteri menzionando le persone.

Una volta lanciata, infatti, l’app permette di scrivere il proprio tweet, con la possibilità di aggiungere luogo del tweet ed un’eventuale foto, senza menzionare nessuno. Al termine spostandoci nella colonna di destra ci sarà possibile selezionare le persone, fino ad un massimo di dieci, da includere all’interno di questo tweet, ed il gioco è fatto.

Cosa fa però in realtà questa applicazione? L’applicazione si occuperà di andare a comporre un numero di tweet uguali al numero delle persone menzionate, menzionandone una per ogni tweet. La comodità sta quindi nel fatto che questo processo diventando automatico, permetterà di risparmiare caratteri e tempo, ma i contro sono a mio avviso altrettanto palesi.

Innanzitutto in questo modo si perderà la “magia” della conversazione: il botta e risposta infatti, sarà esclusivamente tra chi compone il tweet, e l’amico A, B o C, senza che però anche questi ultimi possano interagire tra di loro. Altro limite da considerare è rappresentato dall’invasione dei nostri tweet in timeline. Se tra i nostri follower ci sono le persone che andremo a menzionare, il povero utente si troverà a leggere tweet uguali per ogni persona che lui (malauguratamente) segue.

fliite

Ultimo limite da non sottovalutare è la possibilità di andare in limit. Se avete familiarità col social network, saprete che quest’ultimo adotta delle linee molto severe per coloro che “twittano troppo”. Io stesso stamani dopo circa 150 tweet nell’arco di un’ora sono stato limitato da Twitter, così come il mio amico Francesco Graziani: se entrambi avessimo utilizzato questa app per twittare con le nostre amiche, sarebbe stata la fine dopo solo un quarto d’ora piuttosto che un’ora, e questa, di sicuro, non sarebbe cosa né comoda né utile.

fonte | AppAdvice  /  Link per il download | iTunes

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS