Microsoft e Samsung tentano di sfilare il brevetto del pinch-to-zoom ad Apple

799
0
CONDIVIDI

Apple in questi ultimi anni è sempre stata un’azienda molto attiva in sede di tribunale, andando contro altri colossi mondiali come Microsoft, Samsung, Google. Oltre alle varie cause in atto, Apple ne dovrà svolgere un’altra, che ha come oggetto il pinch-to-zoom.

Come ben sappiamo Apple nel 2007 ha lanciato il primo iPhone della sua storia, con all’interno (per l’epoca) tecnologie molto innovative che andassero a cambiare e a rivoluzionare l’esperienza d’uso degli utenti con un telefono. Tutte queste tecnologie sono state brevettate da Apple, o comunque sono state registrate per poi andare ad essere brevettate in un secondo momento. Una di queste tecnologie è il pinch-to-zoom, una tecnologia che permette di ingrandire le immagini attraverso l’uso di due dita, che vanno a muoversi dall’interno all’esterno, o viceversa, in modo che vadano a ridurre la grandezza della stessa immagine.

In questi ultimi mesi anche Samsung e Microsoft hanno usato nei propri prodotti queste tecnologie, cercando di sviare i brevetti e le leggi che li proteggono e andando così a compiere un ‘reato‘. Proprio durante questa ultima settimana questo brevetto è stato confermato e ufficializzato ad Apple, mettendo così il lucchetto definitivo alla disputa, ma a Microsoft e Samsung questa cosa non va proprio giù. Perciò in queste ultime ore si vocifera di una causa che starebbe per partire da Microsoft e Samsung nei confronti di Apple, con lo scopo di andare a sfilare da sotto il naso dell’azienda californiana uno dei brevetti più importanti e innovativi della storia dell’iPhone.

fonte | idownloadblog

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS