Siri: perché Apple lo considera ancora una beta?

981
0
CONDIVIDI

Ormai lo conosciamo tutti, Siri, l’assistente vocale di Apple, che troviamo sui dispositivi di nuova generazione con iOS 6, può essere considerato l’assistente vocale più famoso al mondo. Negli ultimi mesi, dopo l’aggiornamento di iOS 6, abbiamo avuto modo di vedere come Apple abbia migliorato le prestazioni del suo assistente vocale portandole al massimo delle potenzialità, qualcosa però ci fa pensare che Apple non abbia smesso lo sviluppo.

Infatti, negli ultimi giorni, si vocifera che Apple sarebbe intenzionata a fare di Siri un OS dentro un OS, così facendo moltissime funzionalità del prossimo sistema operativo (iOS 7) potrebbero avere come parte principale proprio l’utilizzo di Siri.

Il dubbio che ci siamo posti è molto sottile e riguarda la denominazione che Apple stessa da al proprio assistente vocale, chiamandolo ancora dopo più di un’anno dalla prima apparizione, ‘Siri Beta’. Il termine ‘beta’ viene spesso utilizzato per software che sono solamente all’inizio della loro avventura e che hanno solamente l’1% delle caratteristiche finali.

Perciò ci aspettiamo ancora moltissimo da questo assistente vocale, e crediamo che Apple nei prossimi mesi trasformerà Siri come la parte principale del prossimo iOS 7.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS