Apple vince in California una causa sulla privacy delle carte di credito

627
0
CONDIVIDI

La Corte Suprema della California ha stabilito proprio oggi che Apple non ha infranto la legge statale con l’imposizione ai clienti di fornire informazioni personali come l’indirizzo postale e i numeri di telefono durante una transizione online tramite carta di credito. Come riporta Reuters, la decisione è stata frazionaria, quattro giudici su sette hanno dato favore ad Apple. La proposta di class action è partita da David Krescent nel giugno del 2011.

La maggior parte dei giudici ha scoperto che uno statuto della Song-Beverly Credit Card nel 1971 regola l’utilizzo delle carte di credito e non permette ai retailer di richiedere informazioni personali per completare le transazioni, ma questo regolamento non è valido per gli acquisti online, il che significa che Apple ha ragione.

fonte | Cnet

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS