In arrivo un pacemaker biologico grazie a cellule cardiache

905
0
CONDIVIDI

L’inserimento di un gene, battezzato Tbx18, in normali cellule cardiache potrebbe mettere a disposizione della popolazione mondiale nuovi pacemaker biologici. Le cellule cardicache verrebbero trasformate in un pacemaker naturale in grado di regolare autonomamente il ritmo cardiaco. Il tutto senza ricorrere a cellule staminali.

Questo almeno è quello che emerge da uno studio coordinato da Hee Cheol Cho del californiano Cedars-Sinai Heart Institute di Los Angeles, e pubblicato su Nature Biotechology.

Eduardo Marban e Hee Cheol Cho affermano:

Non è la prima volta che si producono cellule pacemaker, ma è la prima volta che lo si riesce a fare in modo semplice, senza ricorrere all’uso di cellule staminali e soprattutto con risultati ottimali, perché nei precedenti tentativi non si erano mai ottenute cellule così simili a quelle originali.

Per chi non li conoscesse: gli attuali pacemaker utilizzati in cardiochirurgia sono dei congegni elettronici che fanno le veci del “pacemaker naturale” presente nel cuore, ovvero un gruppetto di cellule che dà l’elettricità al cuore e lo fa battere in maniera ritmica. Quando queste non funzionano si va incontro ad aritmie anche gravi che richiedono, appunto, l’impianto di un pacemaker.

fonte | La Stampa

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS