TechGenius intervista PayPal: il futuro dei pagamenti è mobile

785
2
CONDIVIDI

Più passano gli anni e più la diffusione dei dispositivi mobili aumenta. Ormai quasi tutti hanno a disposizione uno smartphone, o un tablet, e con esso ci si può fare praticamente qualsiasi cosa, anche acquistare online. I pagamenti via mobile hanno raggiunto il loro picco massimo in questi ultimi mesi, e la loro crescita non sembra conoscere la parola fine.

Noi di TechGenius abbiamo deciso di rivolgere qualche domanda a Dirk Pinamonti, Head of Relationship Management di PayPal Italia, per scoprire quali sono le strategie future di questa importante azienda che opera nel mobile payment e come immaginano i pagamenti mobile da qui a qualche anno.

Intervista

TechGenius: Innanzitutto, vogliamo ringraziarvi per averci concesso un pizzico del vostro tempo per questa intervista. Partiamo parlando dei pagamenti mobile. Ci affascina molto questa fetta di mercato perché pensiamo che gli smartphone e i tablet possano rappresentare veramente il futuro. Voi, come società che si occupa di pagamenti via internet (e non solo), come state lavorando per integrare PayPal in questo settore?

Dirk Pinamonti: La diffusione dei dispositivi mobile in Italia, sta portando a un cambiamento radicale nel modo di fare acquisti e questo, di conseguenza, porta  a una crescita delle opportunità per il “mobile commerce”. PayPal a livello globale ha lanciato una vasta gamma di tecnologie per i  pagamenti via mobile, e l’Italia rappresenta un terreno molto fertile per l’espansione del mobile commerce, segmento  su cui le aziende dovrebbero oggi puntare per incrementare il proprio business. Infatti, da una recente  ricerca che PayPal ha commissionato a GfK Eurisko*  è emerso che il 45% degli italiani non può fare a meno del proprio smartphone, nemmeno per un giorno, e che l’uso di Internet tramite cellulari è in costante aumento: ben sette italiani su dieci  si sono connessi via mobile almeno una volta negli ultimi tre mesi e quattro su dieci lo hanno, invece, fatto tutti i giorni.

Gli utenti sono sempre più consapevoli della possibilità di effettuare shopping via mobile e PayPal, per favorire questo trend, supporta i negozi che fanno e-commerce a  rendere  il proprio sito disponibile anche su mobile  attraverso soluzioni semplici, affidabili e innovative. Si tratta di soluzioni che, semplificando il percorso di acquisto, aumentano il “tasso di conversione del carrello”. In base a delle stime interne di PayPal, sui siti di alcuni merchant,  il tasso di conversione del carrello passa dal 70% su PC all’80% via mobile.

*Ricerca “Mobile e Sicurezza” GfK Eurisko Italia – La ricerca ha cercato di descrivere la situazione del nostro paese attraverso un’indagine su un campione rappresentativo della popolazione italiana dai 18 ai 64 anni di utenti di cellulare, composto da 500 individui, studiando alcuni atteggiamenti e abitudini in merito agli acquisti via mobile.

TechGeniusAvete intenzione di legare i pagamenti via smartphone e tablet, attraverso PayPal, anche nei negozi fisici?

Dirk Pinamonti: Non esiste più un confine netto tra online e offline e PayPal è il partner ideale per le soluzioni che abilitano la multicanalità. PayPal attraverso le sue soluzioni facilita i pagamenti via web, via mobile e offline. Un esempio di multicanalità è il Progetto PayPal-MondoConvenienza: si tratta di un progetto tutto italiano, grazie al quale gli utenti PayPal e i clienti di Mondo Convenienza possono pagare in modalità offline al momento della ricezione della merce. Il processo di acquisto avviene in pochi semplici passaggi: il cliente ordina gli arredi presso uno dei negozi Mondo Convenienza e completa il pagamento al momento della consegna a casa, attraverso PayPal dal proprio computer, tablet o smartphone; basterà poi inserire sul sito Mondo Convenienza il codice identificativo della consegna o ‘catturare’ il QR Code inserito sui documenti di trasporto per portare a termine il pagamento  in pochi passaggi e in maniera semplice, affidabile e gratuita. Questo è un caso italiano ma potremmo citare una lunga lista di progetti lanciati a livello globale. Un esempio è l’applicazione Pizza Express lanciata nel Regno Unito, che permette di prenotare il tavolo, ordinare e successivamente pagare via PayPal. La soluzione PayPal Here permette di effettuare micro pagamenti attraverso il proprio iPhone. Si tratta di un’applicazione mobile gratuita che si utilizza con un piccolo lettore di carte di credito, bancomat e assegni che si collega al telefono attraverso un connettore jack.

TechGeniusCosa ne pensate dell’NFC? Potrebbe smuovere il mercato dei pagamenti via smartphone o è una tecnologia obsoleta in questo ambito?

Dirk Pinamonti: L’NFC è una delle tante tecnologie che abilitano i pagamenti via mobile. PayPal ha un approccio agnostico alla tecnologia: non essendo legati a una sola soluzione, riteniamo che l’obiettivo sia rendere semplice e piacevole l’esperienza utente. Ci sono varie tecnologie e soluzioni che faranno crescere e diffondere i pagamenti via mobile e non è detto che l’NFC sarà quella più diffusa. PayPal si farà trovare sempre pronta, e sempre dalla parte dei consumatori.

TechGenius: PayPal è cresciuta molto nel corso degli ultimi anni, ma ancora oggi non tutti i grandi brand permettono il pagamento via PayPal. A cosa state lavorando in tal senso?

Dirk Pinamonti: PayPal è uno dei sistemi di pagamento preferiti  da tanti brand per l’affidabilità e la rapidità con cui si può pagare e inoltre supporta le aziende e i professionisti a offrire ai propri clienti servizi efficienti che permettono di fare i  pagamenti sempre e ovunque. I nostri clienti e la nostra collaborazione con le aziende tanto all’estero quanto in Italia sono in continua crescita, per noi è un lavoro in costante evoluzione e sviluppo. Quei marchi che oggi non hanno ancora integrato PayPal vorrebbero averlo già fatto, ma sono soggetti a processi decisionali interni lunghi e IT roadmaps complicate. Stiamo negoziando praticamente con tutti, incluse le utilities e la pubblica amministrazione, a cui l’integrazione PayPal tra i sistemi di pagamento gioverebbero enormemente, non solo dalla parte del consumatore.

TechGenius: La maggior parte degli internauti è scettica nell’effettuare pagamenti via internet. Cosa sentite di dire loro? E perché dovrebbero affidarsi a PayPal quando ne hanno la possibilità?

Dirk Pinamonti: Due sono i motivi principali per cui affidarsi a PayPal è meglio: affidabilità e rapidità. L’affidabilità delle transazioni online è  data dal fatto che PayPal consente di proteggere le informazioni finanziarie attraverso sistemi di sicurezza innovativi e di prevenzione delle frodi. L’azienda tutela la privacy e protegge i dati finanziari delle persone con avanzati sistemi di crittografia automatica. Un team antifrode controlla le transazioni 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Quando l’utente acquista con PayPal, beneficia di elevati standard di protezione. inoltre,  a seguito dell’ acquisto, il cliente riceve un’e-mail di conferma per tenere traccia della transazione eseguita. L’affidabilità delle trasazioni è garantita sia per gli acquisti via PC sia per quelli via mobile. PayPal  sostiene l’approccio del “digital wallet” che si basa sulla sicurezza propria del Cloud: le informazioni finanziarie dell’utente risiedono “sulla nuvola” e non sul suo telefono. Gli utenti possono accedere al proprio “portafoglio” in qualsiasi momento e da qualsiasi luogo senza dipendere dal dispositivo che stanno utilizzando, e senza preoccuparsi quando cambiano dispositivo o fanno degli aggiornamenti. Il rischio di compromettere informazioni finanziarie è drasticamente ridotto e l’utente è in grado di avere ancora tutte le funzionalità e la flessibilità per poter effettuare pagamenti mobile. Naturalmente, come prima linea di difesa, PayPal raccomanda sempre e comunque agli utenti di proteggere il proprio dispositivo mobile con un codice PIN.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • gino

    Chi diceva che l’NFC era inutile?

    • Io, e lo confermo: l’NFC ATTUALMENTE è inutile! In futuro servirà a qualcosa, ma ora proprio no!