Dell Latitude E5530: la recensione

6652
0
CONDIVIDI

Il portatile che Dell ci ha gentilmente concesso di testare apprtiene alla categoria Business cioè  quella classe di portatili che devono unire praticità e prestazioni.

Alla luce di questa affermazione incominciamo subito col dire che la linea Latitude della Dell unisce alle prestazioni più che buone in ambito professionale,  una struttura solida e anche esteticamente piacevole.

Case

La struttura è abbastanza solida con il Lid che spicca grazie all’alluminio spazzolato che lo costituisce, conformazione questa in grado di flettere alla pressione con le dita ma di resistere a quanto afferma Dell ad urti accidentali di varia intensità. Le cerniere che permettono l’apertura del portatile sono leggermente sporgenti sul lato posteriore e ricoperte in plastica con due punti statici collegati alla base e tre cerniere tubolari  in movimento (2 piccole alle estremità e una più ampia centralmente), a dire la verità questa soluzione non sembra essere poarticolarmente resistente e soprattutto la sua espoizione la rende a mio avviso un punto debole in caso di urto, inoltre tende a flettere leggermente ad ogni piccola pressione.

Il lid superiore si chiude abbastanza agevolmente sulla base inferiore e consente una rotazione del monitor di circa 180° ,inoltre la chiusura del coperchio superiore è garantita dalla presenza di una sorta di piccola serratura (due piccole levette ad L si inseriscono ad incastro nelle fessure poste sul piano della tastiera),ad incastro attivabile mediante l’uso di un tastino metallico a scorrimento laterale posto nella parte superiore dello stesso Lid.

La parte inferiore del portatile è invece costruita in materiale plastico rigido di colore nero, e intorno al portatile è visibile una fascia color alluminio anch’essa in plastica in cui si integrano perfettamente le diverse porte di comunicazione e il cassettino dell’unità ottica.

Il monitor è incassato in una cornice nera di plastica rigida che ben resiste alle pressioni non alterando quasi mai il display.

Interessante la possibilità di intervenire rapiodamente in caso di caduta accidentale per la’ccesso sia al monitor che ai componenti interni grazie alla presenza di una semplice protezione unica rimovibile. Le dimensioni per questo portatile sono 38,8cm di larghezza X 25,1 cm di profondità, l’altezza invece varia da 3 cm a 3,2 cm circa nella parte più spessa.

Nell’insieme questo portatile risulta abbastanza robusto e resistente, quindi adatto a continui spostamenti e a lavori dove la delicatezza magari non è sempre possile, i materiali impiegati pur se non di prima fascia svolgono egregiamente il loro dovere e nonostante ciò il peso risulta comunque contenuto (ben sotto i 2,5 Kg).

Tastiera e Touchpad

Prima di tutto è bene precisare che la tastiera di questo portatile è una tastiera completa, cioè dotata di tastierino numerico sul lato destro ciò per forza di cose riduce la spaziatura fra i tasti e la conseguente precisione nella digitazione, l’escursione del singolo testo è per òabbastanza ampia e in linea di massima la precisione della tastiera sembra buona, anche se a dir la verità Dell ci ha abituato meglio con altri suoi prodotti, inoltre la versione da noi testata è sprovvista di retroilluminazione e risulta comunque abbastanza silenziosa, è da precisare che le versioni disponibili sul sito Dell Italia sono invece tutte provviste di tastiera retroilluminata (soluzione decisamente più adatta per un computer business).La base in cui è incastonata la tastiera è in materiale plastico rigido che ben supporta il peso durante la digitazione, nella parte superiore invece sono presenti i pulsanti di accensione/spegnimento sul lato destro e i soli pulsanti di regolazione audio e mute.

Il touchpad di dimensioni non elevatissime si presenta sufficentemente preciso e dotato di due pulsanti scoperti abbastanza precisi ma decisamente rigidi nella pressione, il touchpad si trova leggermnente decentrato verso il lato sinistro del case per consentire meglio l’uso in simultanea del touchpad e del tastierino, a dire il vero questa conformazione mi ha causato qualche difficoltà infatti essendo decentrato spesso mi capitava di posizionarmi in maniera errata sul touchpad e di non riuscire ad individuare facilmente i pulsanti, tuttavia dopo un pò di pratica ci si prende la mano e si risolve questa piccola problematica.

Connettività

Come ci si aspetta da un prodotto destinato al mondo del lavoro, ecco che ci troviamo davanti ad una fornitura di interfacce di comunicazione di tutto rispetto:

Lato Sinistro

  • 1 X Kensington Lock
  • 1 X Hdmi
  • 2 X USB 3.0 (1 X eSata/USB combo)
  • 1 X  Lettore di schede di memoria, ExpressCard da 54 mm, 1394
  • 1 X  Lettore Sd card

Lato Destro

  • 1 X USB 2.0
  • 1 X VGA
  • 1 X Jack Audio 3,5 mm combo
  • 1 X Masterizzatore DVD

Lato posteriore

  • 1 X RJ-45 Gigabit
  • 1 X USB 2.0
  • 1 X Connettore Alimentatore

Lato Frontale

  • 1 X Switch lan wireless

Base Inferiore

  • 1 X Connettore Docking Station

L’E5530 è dotato inoltre di schede di rete Wireless b/g/n Intel Centrino Advanced-N 6205. Grazie all’ausilio della Docking Station sulla quale questo portatile può connettersi facilmente è possibile ampliare ulteriormente la connettività aggiungendo ulteriori features interessanti.

Display

L’unità da noi testata è dotata di Display retroilluminato Wled da 15.6″ con risoluzione standard Hd da 1366 X 768, i colori risultano nitidi e vivaci e la luminosità è abbastanza uniforme con un valore  di  luminanza medio pari a 210 cd/m2 , il contrasto invece è pari a 150:1 valore un pochino troppo basso per un Business Laptop tuttavia bilanciato da un black value di 1,42 cd/m2. Il Display ha un buon angolo di visualizzazione tuttavia per lasciare inalterati i colori non bisogna superare i 45/50° di inclinazione rispetto l’asse di lettura. In sostanza il portatile si comporta egregiamente in ambienti poco luminosi, quindi possiamo affermare con sufficiente certezza che è piu indicato per un uso in ambienti chiusi.

Prestazioni

Il Latitude E5530 da noi testato è dotato di processore Ivy Bridge I5-3320 con frequenza di clock da 2,6 Ghz, 4,0 Gbyte DDR3-1600 di RAM, Hd Serial-ATA da 500 Gbyte a 7200 rpm WDC WD5000BPKT-75K4T0, Scheda video integrata Intel HD 4000.

Le prestazioni da noi rilevate con l’ausilio dei test Novabench e Video Card Stability Test sono perfettamente in linea con le aspettative.

E’ evidente che il portatile in questione è più adatto ad uso prettamente professionale e mal si adatta all’ambito video ludico, aspetto fra l’altro totalmente trascurabile per questa tipologia di macchine, la sua espandibilità e versatilità d’impiego lo rendono, unitamente al prezzo (decisamente competitivo), un valido prodotto acquistabile da aziende per i propri dipendenti, e soprattutto la possibilità di impiego con l’ausilio della Docking Station lo rendono certamente portatile per definizione ma, più vicino ad un classico Desktop Computer.

Batteria, autonomia e rumorosità

Il Notebook affidatoci da Dell è equipaggiato con una batteria a 6 celle da 60 Wh agli Ioni di Litio in grado di fornire una tensione di 11,1 V in continua. La batteria in questione ci ha permesso di utilizzare il notebook in maniera soddisfacente con un’autonomia più che buona per questo tipo di portatile, sarebbe stato interessante provare la batteria da 90 Wh che promette veramente risultati eccezionali, paragonabili quasi ad un Ultrabook. Il Latitude si è distinto inoltre anche per la bua dissipazione del calore e l’efficiente silenziosità delle ventole, veramente mai eccessive ed invadenti.


Prodotto: Latitude E5530
Produttore: Dell
Prezzo: si parte da 569€ per il modello “base” fino ad arrivare ai 899€ del modello top di gamma.
Giudizio: 7,5/10 – Sul prodotto da noi testato è evidente la mancanza di una Webcam integrata che per un Business PC ritengo sia importantissima.
Dove Acquistare
: sullo store ufficiale Dell


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS