Windows Phone 8: perché l’interfaccia Metro potrebbe penalizzare le app

1209
0
CONDIVIDI

Abbiamo parlato e riparlato di Windows Phone 8 durante le nostre varie prove riguardanti il nuovo Lumia 920, il primo smartphone dell’azienda finlandese a montare tale sistema operativo. Abbiamo visto le novità che implementa tale release rispetto alla più conosciuta versione 7, o 7.5. Nutriamo parecchia fiducia in tale sistema operativo, ma l’interfaccia Metro potrebbe sortire qualche effetto negativo sulle app.

La UI a quadrettoni ha rinnovato la concezione di interfaccia, arrivando anche su PC Windows. Ma le app quanto posso beneficiare da tale caratteristica? Microsoft sprona molto gli sviluppatori ad utilizzare interfacce Metro, ma così si rischia di far diventare le applicazioni tutte uguali, e sopratutto non curate dal punti di vista estetico.

Abbiamo riscontrato tale “problematica” sia con le app native, basti guardare la differenza tra l’app Calendario su Windows Phone 8 e quella su iOS 6 per rendersene conto (foto qui sopra), sia con le app di terze parti. L’app Evernote è decisamente più bella e rifinita su iOS 6 (immagine di inizio articolo). Su Windows Phone può sembrare una qualsiasi app dedicata alle note, e non un’app dalle eccelse potenzialità come Evernote.

Lo stesso discorso può essere fatto con l’app SoundHound, che ha quel tocco di classe in più su iOS, e per l’app Twitter, più ricca di contenuti grafici su iPhone.

Tale Modern UI – così ama definirla Microsoft – non rischia di far ridimensionare il potenziale delle app disponibili per Windows Phone? Fra qualche mese rischiamo di assistere ad un’invasione di app per tale sistema operativo, invasione che però porterà tra le mani degli utenti Microsoft applicazioni più o meno simili tra loro.

Cosa ne pensate?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS