iPad mini: un’arma in più per gli sviluppatori

815
0
CONDIVIDI

L’uscita dell’iPad mini non ha riscosso un notevole successo, soprattutto viste le code per iPhone e iPad di questi ultimi anni. Poche persone hanno scelto di acquistare questo iPad mini il giorno del lancio, ma questo non prelude certo un futuro roseo per il piccolo tablet di casa Apple.

Ne abbiamo lette di tutti i colori su questo nuovo iDevice, lo schermo sembra reggere il confronto con i rivali, così come le caratteristiche hardware, comunque eccellenti per un tablet considerato low-cost. Ma quello che pochi hanno notato, è l’incredibile opportunità che questo tablet mette a disposizione degli sviluppatori.

Prima dell’arrivo dell’iPad mini, gli sviluppatori si trovavano davanti due opportunità, sviluppare applicazioni piccole e adatte per l’uso in mobilità, quindi per iPhone, o sviluppare app più concrete ed efficienti (anche per via dello spazio a disposizione) per iPad e puntare sul settore casalingo o business.

Ora, con iPad mini, gli sviluppatori hanno a disposizione una terza opportunità: sviluppare applicazioni che fino a poco tempo fa avrebbero dedicato solo all’iPhone, su una superficie da 7,9 pollici. Questo post mi è venuto in mente provando la nuova applicazione dello sviluppatore italiano Daniele Margutti, Roma Pocket [link iTunes]. Un’app così bella (vi consiglio assolutamente di scaricarla se avete un iPhone 5) era inutile su un iPad. Chi si metterebbe alla fermata del tram con l’iPad in mano per vedere quando passa il prossimo bus? Nessuno. Molto più comodo con iPhone non è vero?

Ma con iPad mini tutto cambia. Essendo un dispositivo molto più portatile dell’iPad classico, visto che si può tenere anche con una sola mano, app come Roma Pocket potremo averle a disposizione anche su iPad mini, e gli sviluppatori potranno mettere in mostra le loro doti creando app sempre più complete e dettagliate, che porteranno vantaggi sia ai consumatori (come servizi a disposizione), che ad Apple e agli stessi dev (in termini di entrate economiche).

Cosa ne pensate? Fatemelo sapere nei commenti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS