Bob Mansfield farà arrivare i processori ARM su Mac?

532
0
CONDIVIDI

Delle indagini guidate da Bloomberg ci rivelano che in Apple c’è aria di cambiamento. Probabilmente la società ha in mente l’abbandono dei processori Intel per i propri dispositivi portatili ed equipaggiare essi con i chip presenti negli attuali iDevice come iPhone, iPad e iPod Touch.

A guidare questo progetto potrebbe essere Bob Mansfield, eletto recentemente come Senior Vice President of  “New Technologies Group“. Lui sarà affiancato dai migliori ingegneri Apple per dare vita a questo nuovo progetto che riguarda i futuri processori per Mac.

Potrebbe essere qualcosa di nuovo nell’ambito dei laptop, ma questo potrebbe comportare un danno commerciale, e di conseguenza economico, devastante. Ricordiamo appunto che la diffusione dei dispositivi Mac è avvenuta grazie all’impiego, a partire dal 2005, dei processori Intel. Togliere quest’ultimi potrebbe essere davvero rischioso.

Potete stare tranquilli che ce ne vorrà di tempo prima che vedremo cose simili, infatti i processori attuali li vedremo nei Mac anche fra due anni. Sappiamo però che nei dintorni di Cupertino gira l’ipotesi di condividere un’architettura comune tra i dispositivi fissi/portatili con quelli mobili, soprattutto perché i due mondi si stanno sempre più integrando fra di loro.

Infatti sarebbe molto più facile gestire il tutto se i dispositivi condividessero anche l’architettura hardware.

fonte | TheAppleLounge

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS