Fusion Drive: scopriamo l’ultima novità per l’archviazione made in Apple

622
0
CONDIVIDI

Con l’introduzione dei nuovi Mac, presentati ieri durante l’evento tenutosi al California Theatre, Phil Schiller ha introdotto i Fusion Drive, una sorta di mix tra SSD e Hard Disk classico che verrà installato nei nuovi iMac di ultima generazione. Ma di cosa si tratta?

Niente di più semplice: Apple ha voluto combinare le esigenze degli utenti che necessitano di tanto spazio per archiviare i propri documenti riuscendo a garantire però le prestazioni di un SSD. L’SSD presente nel Fusion Drive verrà infatti utilizzato per l’apertura delle applicazioni e per le varie funzionalità del sistema operativo, mentre sull’Hard Disk singolo verranno archiviati tutti i file. Il tutto avverrà in modo automatico, tramite il sistema operativo che svolgerà senza comandi esterni lo smistamento dei file “app” nell’SSD e il resto nel classico e capiente Hard Disk.

Ovviamente l’utente potrà decidere di spostare un’applicazione poco utilizzata nella “zona HD” liberando così spazio nell’SSD, che sui nuovi iMac sarà minimo da 128GB, quindi anche abbastanza capiente.

Beh, che dire, non ci voleva certo un genio! Ma fino ad ora, soltanto Apple ha lanciato sul mercato questa opzione. Soluzione più che valida in attesa che gli SSD calino di prezzo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS