iTunes: ripercorriamo i cambiamenti negli anni

746
0
CONDIVIDI

A pochi giorni dal rilascio della versione numero 11 di iTunes, il software nato sui Mac e soprattutto per gli iPod, AppleInsider ci propone una vista di come è cambiato dal 2000 ad oggi.

La nascita

iTunes non è nato da subito come un software che ci permettesse di gestire il nostro iPod (il primo è uscito nel 2001, iTunes 1.0) bensì come un’app destinata solamente alla gestione di una libreria musicale. Poi con iTunes 2 si è avuta la possibilità di gestire l’appena nato iPod e di poter masterizzare le musiche sui CD. Più in la, iTunes 4 portò i primi accenni dell’iTunes Store con la possibilità di scaricare podcast. Più semplicemente iTunes 5 ha subito un piccolo rinnovamento grafico (di cui possiamo notare gli evidenti tratti anche oggi in iTunes 10).

Nel 2006 il nuovo iTunes porta il primo vero store con la possibilità di scaricare e acquistare non solo musica ma anche video, film, e soprattutto le prime App per iPod. Naturalmente in seguito, con iTunes 7 vengono introdotte anche le App per iOS. La versione 8 aggiunge qualche miglioria.

Con iTunes 9 si ha una nuova veste grafica dello store, oltre all’inserimento di film a noleggio. iTunes 10 porta Ping, che però porta alla sua chiusura nel giro di due anni.

iTunes 11: pensiamolo come iOS

Durante l’ultimo evento Apple, quello dell’iPhone 5, è stato presentato il nuovo iTunes 11 che porta molte novità migliorie e altro. Prima tra tutte è la grafica, totalmente rivista (come molti speravano). Ora l’aspetto non è più come quello del Finder, barra laterale e tutte le operazioni a destra, ma si tratta di una finestra dinamica, come in iOS. Ora avremo infatti le varie sezioni a comparsa e separate, che risulteranno più piacevoli alla vista e migliori nell’ambito della navigazione. Un fattore di somiglianza ad iOS è quello degli album, che cliccati si apriranno come fossero una cartella della Home (di iOS). Naturalmente ora ci sarà una possibilità di condivisione con i vari SN maggiore.

Non ci resta che aspettare giorno 23.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS