Foxconn: sfruttamento minorile in una delle fabbriche

1006
0
CONDIVIDI

La Foxconn,  la nota azienda produttrice di componenti elettronici al centro di numerosi scandali, torna a far parlare di se. Secondo un rapporto del sito cinese Games QQ, la fabbrica della Foxconn di Yantai, avrebbe sfruttato alcuni ragazzi minorenni, con età compresa tra i 14 e i 16, nella catena di assemblaggio della nuova WiiU console Nintendo, la Wii U.

Foxconn si è difesa dalle accuse, dichiarando che i ragazzi minorenni erano stagisti inviati dalle scuole superiori per tre settimana al fine di fare esperienza nel campo lavorativo. Tuttavia i ragazzi, oltre a non essere non pagati, erano intimiditi dagli stessi insegnanti che li minacciavano di abbassare i voti o di bocciare coloro che si rifiutavano di lavorare.

fonte | TGCOM24

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS