iPhone 5: la nostra recensione

3839
2
CONDIVIDI

È sempre difficile recensire un prodotto promettente e con una storia dietro come l’iPhone, ma dopo qualche giorno sono pronto a darvi il mio parere. Premetto immediatamente che più che una vera e propria recensione, questo articolo vuole essere una panoramica a tratti anche, e non me ne vogliate, soggettiva, su quelle che sono state le mie sensazioni dopo una settimana esatta di utilizzo; è stato infatti proprio mercoledì scorso che ho messo mano sul nuovo dispositivo il 28 mattina, giorno del dayone nel nostro paese, e da allora l’ho davvero testato a fondo.

Design

iPhone 5 è l’evoluzione del modello 4S: c’è chi sostiene che questo modello sia una grande rivoluzione rispetto al modello precedente, chi invece sostiene che sia il mero “allungamento” della precedente versione. Personalmente dopo averlo avuto in mano non posso sostenere la tesi del secondo gruppo. Il nuovo iPhone è davvero un passo avanti rispetto al modello precedente: partendo dal peso, all’ergonomia ci troviamo di fronte ad un dispositivo che di sicuro è stato interamente progettato da 0. Grammi su un dispositivo composto da alluminio e vetro è un risultato importantissimo. Facendo il dovuto confronto con il dispositivo rivale per eccellenza di iPhone, vale a dire il Samsung Galaxy S III, quando venne presentato con il suo ridotto peso venne sostenuto che per raggiungere quel peso fu una scelta praticamente obbligata utilizzare la plastica dietro. A quanto pare però, con grammi in meno e l’esclusivo utilizzo di alluminio e vetro gli ingegneri Apple sono riusciti a tirar fuori dal cilindro un prodotto realmente leggero senza comprometterne i materiali, i più nobili mai trovati su un dispositivo mobile. Non sono presenti evidenti differenze nel form factor rispetto ai precedenti iPhone se escludiamo il connettore per le cuffie posto in basso, insieme al nuovo connettore lightning e dei fori per altoparlanti e microfoni come su iPhone EDGE.

Display

Altra grande differenza di questo prodotto è la diversa conformazione del display che ora è più grande rispetto ai suoi 5 predecessori. Se con iPhone EDGE, 3G e 3GS personalmente mi trovavo davvero a fronteggiare un display enorme, già con iPhone 4 e in particolare iPhone 4S l’unità da 3,5″ iniziava a starmi stretta. Apple nell’apportare modifiche a questo display immagino abbia studiato diverse soluzioni e alla fine ha optato per la radicale modifica dell’aspect ratio, vale a dire il rapporto tra altezza e larghezza del display. Si è passata da una poco comune 3:2 (trovata in tutti i precedenti iPhone) ad una 16:9. Questo cosa significa in termini pratici? Significa che rispetto ai predecessori, ci troviamo di fronte ad un dispositivo con l’aspetto più vicino a quello di un “telecomando”, ma che è pienamente compatibile con la risoluzione della maggior parte dei filmati disponibili attualmente.

Questa risoluzione è stata una scelta abbastanza intelligente soprattutto per la miriade di applicazioni presenti in App Store. Le applicazioni attuali infatti verranno comunque lanciate dal nuovo melafonino in letterbox, vale a dire con delle bande nere nella parte superiore e inferiore. Per il momento, infatti sono poche le applicazioni che sono state aggiornate alla nuova risoluzione di iPhone pari a 1136×640 rispetto ai 960×640 del precedente modello, e questo si traduce in tante app che per il momento non sfruttano appieno i pixel in più di questo iPhone 5. Ricordiamo agli utenti che anche in questo caso Apple non ha abbandonato il suo Retina display, e il nuovo iPhone 5 come i precedenti 4 e 4S garantiscono 326 pixel per pollici, una densità di pixel in un pollice per il momento ancora non raggiunta da nessun altro produttore. Ottima unità quindi, con colori davvero vivi. Le tonalità di verde e di azzurro in particolare risentono molto del nuovo display con tecnologia in-cell touch che ha permesso di ridurre molto lo spessore assicurando uno strato in meno sul display, avendo integrato in un unico pannello la parte che si occupa di riconoscere il tocco del display con quella su cui vengono visualizzati gli stessi pixel.

Connettività

iPhone 5 è il primo modello a supportare le reti ad alta velocità LTE, ma non montatevi la testa: in Italia non sono ancora supportate. Per dovere di cronaca è comunque da segnalare che i lavori sono in corso, e nelle maggiori città italiane entro il 2013 potremmo vedere già dei risultati. Per quanto riguarda le frequenze il modello di iPhone venduto in Italia è compatibile con quelle che sfrutteranno gli operatori: TIM, VODAFONE e H3G mentre invece il lotto che ha acquistato WIND non è attualmente compatibile con la baseband di iPhone 5, ma come torno a ripetere si tratta di LTE e di una tecnologia che in Italia ha ancora davvero molta strada da compiere.

Nulla da segnalare invece sul modulo 3G che è compatibile con praticamente tutti i protocolli attualmente utilizzati dai nostri operatori. L’iPhone in vendita sul mercato italiano è infatti il modello A1429 compatibile con UMTS/HSPA+/DC-HSDPA (850, 900, 1900, 2100 MHz), GSM/EDGE (850, 900, 1800, 1900 MHz) e LTE (bande 1, 3, 5, 13, 25).

Novità anche per quanto riguarda il Wi-Fi ora dualband con compatibilità 2.4GHz e 5GHz anche se in rete ultimamente diversi utenti lamentano dei problemi imputabili probabilmente ad alcuni difetti di gioventù di iOS 6 (io personalmente non ho riscontrato dei problemi).

Fotocamera

Per quanto concerne la fotocamera, ci troviamo di fronte a sostanziali modifiche in quella FaceTime frontale, e ad un miglioramento per quanto riguarda la iSight. La fotocamera FaceTime è ora in HD: garantirà foto a 1,2MP e video a 720p fino a 30 frame al secondo. La fotocamera posteriore chiamata iSight, invece è molto simile a quella già vista nell’iPhone 4S. Troviamo infatti nuovamente un sensore da 8 megapixel, con funzione panorama (funzione presente anche in iPhone 4S), autofocus, tap to focus, rilevamento volti, stabilizzazione video a 1080p migliorata e flash LED. Nella pratica, ho notato un netto miglioramento nelle foto notturne (ho preferito utilizzare il meno possibile il flash proprio per osservare come si comporta l’obiettivo senza una fonte di luce), che ora garantisce scatti discreti soprattutto con la funzione HDR attiva, che ho trovato in questo iPhone molto più accurata, e una resa più naturale dei colori in particolare nelle foto all’aperto. Una parentesi merita inoltre il cristallo di zaffiro (materiale secondo in resistenza solo al diamante) posto a protezione dell’ottica: uno di quei dettagli che in fondo fanno di Apple, l’azienda che è.

Velocità del sistema

iPhone 5 è davvero scattante. La differenza con il 4S si inizia a sentire durante l’utilizzo assiduo di più app. Passare da una all’altra è ormai praticamente equivalente al tempo dell’animazione, i refresh sono istantanei, e le app sono più veloci fin dal primo avvio. Tutto questo è sicuramente merito del nuovo processore made in Apple A6, evoluzione di A5 e anche di A5X (processore attualmente installato su iPad). Si tratta di un processore costruito ancora da Samsung ma con la supervisione (per la prima volta) di Apple, che ne ha accurato in particolare l’architettura. Il chip presenta due core che si attestano ad una velocità di 1Ghz con set di istruzioni ARM v7 (sembra che dinamicamente riesca a raggiungere una velocità di clock pari a 1.3Ghz); il chip presenta inoltre 1GB di RAM DDR2 (il doppio di quella presente su iPhone 4S) e tre chip grafici. Tutto questo ben di Dio, integrato con un software creato ad hoc per l’hardware, garantisce prestazioni davvero ottime, e personalmente sono molto soddisfatto.

Audio

Oltre alle EarPods, di cui parlerò tra poco, il nuovo iPhone ha all’attivo ormai 3 microfoni. Questo garantisce una qualità in chiamata superlativa per quanto riguarda la riduzione dei rumori, e inoltre migliora e di tanto la qualità dei video sia della iSight che dalla FaceTime camera (dato che il secondo e il terzo microfono si trovano l’uno sotto la Facetime camera (nel ricevitore), l’altro accanto alla iSight.

Batteria

La nota dolente degli iPhone e degli smartphone in generale. Se ne possedete uno, sono sicuro che vi sarà successo almeno una volta di non arrivare a sera. Bene, per quanto riguarda iPhone 5, sono rimasto piacevolmente sorpreso. Durante la presentazione Phil Schiller presentò la batteria come potenziata ma che garantiva le stesse performance dell’iPhone 4S. Personalmente ho avuto sempre delle difficoltà ad arrivare a sera con l’iPhone e in particolare nel poco tempo in cui ho utilizzato iOS 6 con iPhone 4S, la situazione era ormai drastica.

Tuttavia con questo iPhone 5, nonostante processori e display più grandi e potenti, la durata della batteria nel mio caso è quasi vicina al raddoppio. Con un normale utilizzo, 30 minuti di telefonate al giorno, sms e whatsapp, email, 3G sempre attivo con navigazione fuori casa di almeno 1 ora, e utilizzo intenso di Twitter, riesco tranquillamente ad arrivare a sera. Se ci aggiungiamo inoltre, la luminosità al massimo e il push sempre attivo, mi sento di dire che siamo di fronte alla miglior batteria mai montata su un dispositivo fin da iPhone EDGE. Per ulteriori dettagli su questo paragrafo vi invito a leggere inoltre l’articolo del nostro Alessandro, dove si analizza lo stato della batteria ora dopo ora.

Accessori

Giunti alla fine di questa recensione voglio parlarvi anche degli accessori inclusi nella confezione. Partiamo dai nuovi EarPods: gli EarPods sono dei nuovi auricolari progettati a partire dall’orecchio piuttosto che dalla cuffietta stessa. La forma particolare degli EarPods è infatti il frutto di lunghi studi su un design che potesse adattarsi alla maggior parte delle orecchie. Il tutto con l’obiettivo inoltre di offrire la più alta qualità possibile. Non sono particolarmente dotato di esperienza musicale, ma da utente medio posso affermare con tranquillità che sono anni luce avanti rispetto alle vecchie cuffiette. In particolar modo i bassi hanno finalmente una loro resa, e il tutto fa molto piacere.

Utilizzo abitualmente le Apple In-Ear e ho trovato a parte naturalmente l’isolamento, le EarPods delle valide alternative. Peccato che dopo alcune ore di utilizzo inizio a sentire dolore alle orecchie, anche se la cosa è naturalmente molto soggettiva.

Ultimo approfondimento merita il connettore Lightning vale a dire l’aspetto più criticato di questo iPhone 5. Il connettore Lightning rappresenta l’evoluzione del connettore Dock che ormai era sicuramente troppo grande per favorire telefoni e iPod dello spessore e la grandezza degli attuali. In molti si sono chiesti il motivo per il quale Apple non abbia adottato lo standard micro USB. Anche se non è giunta alcuna conferma, i motivi potrebbero essere semplici da intuire: Apple probabilmente sarà l’unico produttore di questo cavo, e questo favorirà di sicuro le entrate. Per quanto riguarda i vantaggi troviamo un connettore sicuramente più piccolo, e più elegante, completamente digitale e soprattutto double-face, vale a dire che il connettore può essere inserito in qualunque verso nell’iPhone. Per quanto riguarda la compatibilità con i vecchi cavi e accessori, il tutto è stato affidato ad alcuni adattatori in vendita sull’Apple Online Store che dovrebbero rendere più semplice alla vita a coloro che posseggono periferiche o cavi in abbondanza compatibili con il vecchio formato Dock.

Vi lascio, se non lo aveste già visto, al video realizzato dal nostro Alessandro, che vi mostrerà le principali funzioni di questo nuovo telefono.


Prodotto: iPhone 5
Produttore: Apple
Prezzo: 729€ per il modello da 16GB, 839€ per il 32GB e 949€ per il 64GB.
Giudizio: 9,5/10 – Mi reputo fondamentalmente soddisfatto di questo nuovo iPhone. Il design mi ha catturato da subito, e per la prima volta, potendo scegliere, ho preferito un modello nero rispetto ad uno bianco, perché l’ho trovato davvero bello. Per quanto riguarda la questione relativa al prezzo, purtroppo l’Italia come avrete avuto modo di calcolare e sapere ha avuto i prezzi più alti per iPhone 5, e questo è dovuto a diversi fattori quali gli operatori e le varie tasse imposte in Italia. Mi sento comunque, nonostante il prezzo che ci ha impedito di dare il massimo voto, di sottoscrivere lo slogan di Apple: “Il più grande evento nella storia di iPhone dopo il primo iPhone”.
Dove Acquistare: sull’Apple Store online o in qualsiasi Apple Store d’Italia (o nei negozi di elettronica).


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS