Acer S3: la recensione

1246
2
CONDIVIDI

Quest’oggi abbiamo la possibilità di recensire un prodotto marcato Acer che ha fatto la “storia” dei primi Ultrabook, inserendosi in questo mercato con l’intento di spodestare dal suo trono l’ormai arcifamoso MacBook Air.

Il modello che ci accingiamo a descrivere è l’S3-951, dotato nella configurazione da noi testata di: Processore i7-2637 da 1,7Ghz, HD di tipo SSD Micron mod. C400 da 256Gbyte, Scheda video Integrata Intel Hd, e scheda audio integrata sempre Intel, 4 Gbyte di RAM, scheda Wi-Fi con chipset Atheros mod AR5BWB225.

Estetica e dimensioni

Il case di questo Ultrabook è interamente in plastica color alluminio grigio opaco, fatta eccezione per la cover dello schermo realizzata invece realmente in Alluminio, questa scelta ha sicuramente consentito di risparmiare dal punto di vista costruttivo ma, il risultato rende l’S3 poco resistente, si avverte probabilmente la mancanza della tecnica costruttiva in monoblocco che conferisce ai prodotti realizzati con essa una notevole consistenza e più in generale un maggior senso di robustezza.

Le dimensioni sono di 32,3 cm di larghezza per 21,8 cm di profondità, per quanto riguarda lo spessore va dai 16mm ai 19mm circa, mentre il peso, altro parametro fondamentale per questi modelli, è di 1,38 Kg circa.

Alla base del monitor è posizionata la cerniera dello stesso di diverso colore (nero) rispetto all’intero case, nella quale è incastonato il pulsante di accensione e i Led di ricarica e di status. Anche questa soluzione non è sicuramente delle migliori in quanto si evidenzia la mancanza di continuità nelle forme e il conseguente senso di fragilità della cerniera stessa.

Tastiera e Touchpad

La tastiera progettata dalla Acer si presenta leggermente stondata lungo gli angoli, con i tasti sufficientemente distanziati (manca però la retroilluminazione), tuttavia l’escursione dei tasti è breve e sembrano estremamente rigidi durante la pressione, note dolenti sono sicuramente le frecce direzionali troppo piccole e la forma del tasto Invio, troppo piccola e posizionata a ridosso del tasto immediatamente sopra, cosa che nella rapida digitazione potrebbe almeno inizialmente indurre all’errore di pressione.

Il touchpad è piatto incastonato leggermente all’interno del case ed ha dimensioni discrete pari a 8,7cm X 6,5cm, sprovvisto di tasti esterni ci consente abbastanza facilmente di utilizzare le funzioni multitouch (max fino a 2 dita) con risposte sempre abbastanza precise e rapide.

Connettività

La maggior parte delle porte di comunicazione in questo portatile sono discutibilmente posizionate sul retro dello stesso, tuttavia nel dettaglio abbiamo:

Lato sinistro:

  • 1 X ingresso Jack audio combo (Mic+Cuffie)

Lato destro:

  • 1 X lettore multicard reader

Lato posteriore:

  • 1 X Hdmi
  • 2 X USB 2.0
  • 1 X Jack alimentazione

Sicuramente si avverte la mancanza di almeno una porta USB 3.0 ben più performante rispetto le 2.0 e soprattutto di una porta alimentata anche a computer spento. Per quanto concerne il Wi-Fi la scheda Atheros pur svolgendo adeguatamente le sue funzioni non garantisce prestazioni elevate nel campo d’azione, risultato ben inferiore a modelli da noi  già testati.

Display

Il display LED WXGA in dotazione con questo portatile è di 13,3” con una risoluzione massima di 1366X768 pixel con schermo lucido dotato di una luminanza pari a 207 cd/m2 nel punto centrale e valori contenuti all’85% lungo i bordi periferici, un display non certo eccezionale e purtroppo lo schermo in condizioni di illuminazione ambientale o artificiale intensa riflette eccessivamente riducendo sensibilmente la leggibilità. Nel complesso i colori sono abbastanza realistici anche se generalmente si ha come la sensazione che la luminosità non sia mai sufficiente quasi come se non fosse mai collegata l’alimentazione.

Audio

Il comparto audio è costituito da due altoparlanti posizionati nella parte inferiore dell’ultrabook orientati verso gli esterni, scelta questa che limita la direzionalità pro-utente delle casse, nell’insieme la resa sonora è accettabile anche se un pochino metallica, con scarso bilanciamento fra i toni, con un volume piuttosto basso che anche con il Dolby Home theater attivato non raggiunge livelli sonori elevatissimi e conseguentemente  non si addice ad ambienti ampi e rumorosi.

Autonomia e Temperature

Questo tipo di computer portatili hanno come cavallo di battaglia l’elevata autonomia in quanto prevalentemente indicati in ambito lavorativo (business), cominciamo col dire che probabilmente la scelta di Acer di puntare su un prodotto di fascia economy, non ha consentito di adottare una batteria estremamente performante si tratta di una 3 celle ai polimeri di litio che in condizioni di utilizzo forzato, per esempio massima luminosità e visione di un film in streaming wi-fi ha dato come risultato un valore al di sotto delle 2 ore di autonomia e invece in caso di utilizzo normale l’autonomia si è assestata su valori di poco superiori alle 3 ore, tali risultati non evidenziano sicuramente risultati ottimi in confronto con altri modelli simili. Non molto diverso il risultato della rumorosità, l’ultrabook appena acceso mostra già un minimo sibilo della ventola di raffreddamento che però in compenso non raggiunge praticamente mai valori ritenuti eccessivi, tutto ciò contribuisce ad un buon raffreddamento della macchina che contiene la sua temperatura in qualsiasi circostanza.

Prestazioni

Come di consueto testiamo questa macchina utilizzando i sw Video Card stability test e Novabench:

I risultati come evidente mostrano rispetto ad altre macchine di eguali caratteristiche prestazioni modeste frutto probabilmente dell’impiego di componentistica sicuramente non di prima fascia.


Prodotto: S3-951
Produttore: Acer
Prezzo: è disponibile in diverse combinazioni, con un prezzo che varia dai 799€ per il modello base ai 1399€ per il modello top.
Giudizio: 5/10 – Probabilmente datato per poter essere confrontato con modelli attuali, questo ultrabook non riesce a distinguersi dalla media e complici alcune scelte discutibili di Acer le prestazioni e la qualità di costruzione non brillano mai.
Dove Acquistare: nei migliori negozi di elettronica e informatica.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • La batteria dura troppo poco per essere un Ultrabook, peccato!

    • Fabio

      Si…effettivamente l’idea di doverlo attaccare continuamente alla carica non è che mi soddisfi poi molto…