Nikon Coolpix P510: la recensione

31938
4
CONDIVIDI

Grazie a Nital e a Nikon abbiamo potuto provare con mano una tra le migliori fotocamere digitali Bridge presenti nel mercato, ovvero la Coolpix p510. Questa fotocamera, successore della precedente p500 e fratello maggiore della p310 risulta essere la miglior bridge con zoom tele in circolazione. Ma andiamo a vedere nel dettaglio le caratteristiche più importanti e cosa ci ha colpito di più.

La Coolpix p510 risulta essere molto compatta e leggera. I materiali di cui è costituita sono in plastica, ma ben assemblati e saldi, dandoci una piena impressione di robustezza. Questo corpo, molto similare a quello delle Reflex, è non troppo grande e poco spesso, ma soprattutto molto leggero, nonostante l’importante zoom presente (di cui parleremo avanti). In quanto ad ergonomia si puo’ dire che per essere una Bridge sa il fatto suo. Troviamo nella parte dell’impugnatura uno strato di gomma che ci consente una presa più ferrea, lo stesso troviamo alla parte opposta, se volgiamo tenerla con due mani (di cui una non sotto l’obiettivo).

I comandi sono posti in maniera molto accessibile, troviamo nella parte superiore, oltre al pulsante di scatto, quello girevole per lo zoom, il tasto fn, quello per l’accensione e la ghiera per selezionare le varie modalità. Invece nella parte posteriore abbiamo una ghiera per cambiare velocità di scatto, quello per avviare la registrazione, uno DISP (per far comparire le Info sul Display), quello per andare alla galleria, quello per il menu, quello per cestinare le foto, la classica ghiera (anche girabile) che ci consente di navigare tra i menu e selezionare alcune modalità (Flash, Messa a Fuoco, Auto scatto, esposizione) e il tasto che ci servirà per passare dalla visualizzazione in live view al mirino. Inoltre, nella parte anteriore sinistra troviamo quello per alzare il flash e sull’obiettivo un utile comando per lo zoom (settabile diversamente).

Chicca della Nikon Coolpix p510 è la presenza di un trasmettitore GPS, posto nella parte superiore, che ci potrà essere utile per salvare nelle foto le coordinate del luogo in cui sono state scattate. Ai suoi lati troviamo invece i due microfoni per la ripresa video.

Caratteristica molto interessante della p510 è la presenza del Display basculante, ovvero che puo’ assumere alcune posizioni molto utili quando ci troviamo in situazioni di ripresa non ottimali. Il Monitor LCD presenta una dimensione di 3 pollici che arriva a 991.000 punti, in modo tale da assicurarci una visualizzazione ottimale, cosa realmente osservabile. Non si puo’ dire lo stesso per il miniro, che naturalmente è digitale, il quale non raggiunge una qualità molto elevata e che sinceramente non ne andrei molto fiero.

Questa Bridge presenta nella parte destra due sole porte, che però offrono una possibilità di connessione più ampia. Troviamo infatti una uscita HDMI, per poter vedere le foto sul nostro Televisore, ed una uscita USB/AV. Nella parte posteriore è presente una porta, al cui interno troviamo la batteria EN-EL5 che, da quel che ho potuto vedere, dura abbastanza per permettervi anche i 200 scatti, ma qui troviamo anche lo slot per la scheda SD.

Ora parliamo però della features più apprezzata presente nella Nikon Coolpix p510, stiamo parlando dell’obiettivo. Infatti la caratteristica più ammirata in questa Coolpix è proprio lo Zoom, che consiste in un Super-zoom che va dai 24mm ai 1000mm in pratica un Tele che troviamo raramente nell’uso anche delle Reflex. Questo Nikkor 42x presenta una lunghezza focale di 4.3-180mm e raggiunge qualità di foto davvero ottime anche se cerchiamo di riprendere un oggetto molto lontano. Per farvi un’idea ecco qui un’immagine dimostrativa:

Naturalmente ad un 42x corrisponde una elevata possibilità di micromosso, nonostante il sistema di stabilizzazione posto sulle lenti.

Come prima detto le foto che escono da questa fotocamera sono davvero ottime, in parte merito del sensore CMOS da 16 Megapixel e dal processore EXPEED C2. Naturalmente le foto posso essere scattare in varie modalità, scene ed effetti. Troviamo sia la modalità di scatto automatico, dove pensa a tutto il processore, sia quella Manuale (oltre a quelle A,S,P) dove dobbiamo settare noi tutti i parametri. La velocità di scatto puo’ raggiungere 1/4000 di secondo ad un massimo di 8 secondi. La sensibilità ISO puo’ invece variare da 100 a 3200, ma i risultati nono sono dei migliori, soprattutto se impostiamo i parametri automatici. Ma nonostante cio’ le foto risultano ugualmente belle (potete vederle alla fine in galleria).

Per quanto riguarda le scene troviamo le solite, Rtratto, Museo, Paesaggio, Spiaggia, Fuochi d’artificio, ecc. ma il mio consiglio è sempre di imparare ad usare la modalità M, anche se si tratta di una Bridge. Presenti anche gli effetti, come Seleziona colore, Dipinto, Sihouette, Seppia, ecc. Per quanto riguarda i video abbiamo la possibilità di utilizzare una ripresa (quella migliore) ad 1080p a 30fps con una risoluzione di 1920x1080p. Naturalmente possiamo utilizzare la messa a fuoco Permanente o Singola (invece nella modalità foto è presente anche quella manuale, ma la sconsiglio, perchè la gestione su questa fotocamera non è il massimo a causa dei troppi passaggi da eseguire prima di potervi accedere). Presente anche la funzionalità 3D, ma ecco un test video realizzato da me (vi consiglio di mettere la risoluzione video a 1080p e se avete la possibilità attivare il 3D).

Scusate se quando raggiungo i 42x non tengo l’inquadratura molto ferma, ma ero sprovvisto di treppiede.

Quindi, concludendo, la Nikon Coolpix p510 è un’ottima Bridge, corpo robusto, leggero, comandi abbastanza intuitivi, molte possibilità di scatto, ottica molto elevata. Da fotografo Reflex se devo dirla tutta, se dovessi acquistare una Bridge probabilmente prenderei questa.

Uniche note negative l’ISO, che non mi ha particolarmente soddisfatto, il metodo di messa a fuoco manuale, troppi passaggi per impostarlo e il software, che sinceramente dovrebbe essere migliorato perchè risulta essere un po’ troppo da compatta, con impostazioni che potrebbero essere posizionate in modo diverso.


Prodotto: Bridge Coolpix p510
Produttore: Nikon
Prezzo: 400€ (369€ su Amazon.it – leggete più giù)
Giudizio: 8,75/10 – Una Bridge con grandi potenzialità, grazie soprattutto al Super-zoom, ma con un corpo davvero bello e robusto, con alcune funzionalità davvero interessanti.
Dove Acquistare: su Amazon.it


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • marosicilia

    E’ evidente con questa macchina tu ci hai solo giocato. Io purtroppo l’ho comprata.
    Mi spieghi a cosa serve una macchina fotografica elettronica che ha delle batterie ridicole e che durano pochissimo?
    Hai visto quanto durano le batterie quando usi lo zoom?
    Hai visto quanto durano le batterie con il GPS inserito?
    Se tu l’avessi fatto non avresti scritto questo articolo.
    Gli ingegneri nikon hanno fatto una macchina fotografica bella ma inutile. Ho già sette batterie (per caricarle ci vogliono 28 ore) ma non reggono 12 ore di GPS non ti pare ridicolo?

    • Ciao, dico subito che non ci ho giocato, l’ho usata per quasi un mese sostituendola alla mia reflex in modo tale da poterla usare in ambienti più professionali. Non ho potuto pubblicare le foto professionali perchè erano sotto contratto ma ti assicuro che la batteria mi è durata molto, con GPS sempre acceso e Zoom sempre in movimento. E poi, sette batterie EN-EL 5? mI sembra un’esagerazione. Io, come scritto in articolo, i 200 scatti li ho raggiunti tranquillamente.
      Magari hai problemi con la macchina fotografica o con il caricatore. Vedi di portarla a vederla, ma ti ricordo che è sempre una BRIDGE.

    • Francesco

      28 ore per caricarle? Che durino poco potrebbe anche essere, ma a caricare una batteria litio del genere al massimo ci possono volere 4 ore! Probabilmente c’è qualche problema con il caricatore!

    • claudio

      PERFETTA come Bridge e a seconda dello scopo si lascia preferire ad una REFLEX. Io collaboro con una NGO e aiuto nell’organizzazione di campi di eco-volontariato nella steppa mongola. Lì gli animali si vedono ma sempre a distanze realmente elevate. Gente che era con me non è stata capace di fotografarli con reflex (corpo+obiettivo) da 1500 euro…. io con 380 euro mi sono portato foto perfette per l’identificazione della specie e la pubblicazione su fb. In taluni casi si arrivava a qualità eccellenti! Video ottimi e slow motion di grande appeal. Tra le bridge è la migliore (c’è il difetto batteria ma con 3, una in carica e 2 in uso, te la cavi benissimo) e dipende dai casi può essere molto più maneggevole e utile di una reflex!