Foxconn: le condizioni dei lavoratori sono migliorate, secondo la FLA

519
0
CONDIVIDI

Migliorano le condizioni delle catene di montaggio Foxconn in terra cinese, almeno secondo la Fair Labor Association (FLA). A seguito della verifica iniziale, la FLA aveva consigliato un totale di 360 azioni da intraprendere, gran parte riguardanti la salute e la sicurezza dei dipendenti. I controlli successivi condotti nel mese di giugno e luglio, hanno evidenziato che Apple e Foxconn hanno corretto 284 delle questioni sollevate, 89 delle quali prima del previsto. Ulteriori 76 questioni saranno risolte nel corso del prossimo anno.

Auret van Heerden, presidente e CEO di FLA, ha dichiarato:

La nostra verifica dimostra che i cambiamenti necessari, compresa la salute immediata e le misure di sicurezza, sono stati portate a compimento. Siamo soddisfatti del fatto che Apple abbia reso Foxconn responsabile del piano d’azione, compreso l’impegno a riformare il suo programma di tirocinio. Sotto il piano dell’FLA, stagisti studenti alla Foxconn non saranno più autorizzati a prestare lavoro straordinario, riceverà incarichi di lavoro che si riferiscono al proprio campo di studi, e sarà controllato per assicurarsi di aver compreso di poter terminare il tirocinio.

Foxconn sta ancora lottando per portare le sue fabbriche in conformità con la normativa cinese in materia di orari di lavoro. L’azienda è riuscita a far cadere la sua media di 60 ore a settimana (compresi gli straordinari), ma deve raggiungere lo standard legale in Cina, che è di 40 ore regolari e fino a nove ore di straordinario alla settimana.

Foxconn ha migliorato molto anche la salute e la sicurezza dei dipendenti, inserendo la formazione per tutti i dipendenti e l’aggiornamento delle sue politiche di manutenzione. La società ha inoltre sponsorizzato la legislazione in Cina che rende più facile per i disoccupati accedere ai propri vantaggi, una mossa che ha implicazioni per tutti gli altri fornitori.

fonte | MacNN

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS