Scienziati creano l’immagine di un embrione da 281 gigapixel

399
0
CONDIVIDI

Se sei un fan di Google Earth, ma sei interessato di più ai dettagli della biologia molecolare, invece di osservare il nostro pianeta su larga scala, un gruppo di ricercatori ha appena pubblicato un immagine mostruosa di un embrione di 1,5 millimetri composto da oltre 26.000 immagini che si aggiungono fino a creare un’immagine da 281 gigapixel con 16 milioni di pixel per pollice. Con questo vogliamo farvi capire che si può ingrandire un embrione a un livello quasi senza precedenti, sembra veramente un pianeta che si può ingrandire e visualizzare con i minimi dettagli e con una nitidezza e chiarezza intatta per tutta la strada.

La tecnica attuale di catturare strutture cellulari attraverso la microscopia elettronica non è nuova. La tecnica della nanoscopia virtuale utilizzata dagli scienziati di Leiden University Medical Center in Olanda è il vero progresso usato in questo campo. In precedenza, immagini ad alta risoluzione cellulari erano possibili, ma catturando solo una piccola porzione di tutto l’organismo: ora i ricercatori possono vedere sia la portata del soggetto così come lo zoom sui singoli dettagli. Le immagini risultanti sono di una tale alta risoluzione che il Journal of Cell Biology ha dovuto rinnovare completamente il proprio strumento di DataViewer che ha pubblicato le immagini cellulari dal 2008. Purtroppo data la alta risoluzione, lo spettatore avrà problemi nel caricamento dell’immagine che troverete al seguente link.

fonte | TheVerge

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS