Jony Ive racconta come Apple ha quasi ucciso l’iPhone

605
0
CONDIVIDI

Sir Jonathan Ive, il Senior Vice President del Design Apple, durante un’intervista ha parlato di come Apple abbia più volte pensato di eliminare l’iPhone prima che approdasse sul mercato. A quel tempo c’erano molti problemi relativi alla creazione del design:

“Abbiamo quasi accantonato il telefono, perché abbiamo pensato che c’erano problemi fondamentali che non potevamo risolvere”

Primo di questi problemi era relativo al tasto principale che serviva per le chiamate (l’attuale tasto “Home”). Infatti con i primi prototipi c’era il problema che una volta poggiato il dispositivo all’orecchio c’era il pericolo di premere il pulsante o il touchscreen interrompendo la chiamata. Apparentemente puo’ sembrare un problema insignificante, ma invece era molto importante e tutt’oggi molti produttori di smartphone non ci prestano attenzione. Naturalmente Apple ha risolto, infatti, se notate, appena avvicinate l’orecchio al display questo si spegne. Grazie ad un sensore specifico.

Altro problema era il design. Steve Jobs era molto attaccato ad esso e non voleva che questioni di spese compromettessero le scelte (se avete letto la biografia ufficiale sapete a che mi riferisco). Ive, che ha sempre appoggiato quest’idea dice:

“Il nostro obiettivo non è fare soldi. Il nostro obiettivo ad Apple non è assolutamente fare soldi. Questo può sembrare un po’ impertinente, ma è la verità. Il nostro obiettivo e quello che ci emoziona è tentare di fare grandi prodotti. Abbiamo fiducia che se ci sono cose di successo come loro e se ci sono funzionalità competenti faremo delle entrate”

Apple alla fine ha superato tutte le difficoltà, ed oggi l’iPhone è lo smartphone più amato e venduto di sempre.

fonte | IntoMobile

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS