Nuovo formato XQD per le schede di memoria

704
0
CONDIVIDI

Dopo diciotto anni di onorata carriera e una serie interminabile di miglioramenti, il formato CompactFlash, che sin dagli esordi ha accompagnato l’evoluzione tecnologica della fotografia digitale, ha designato il suo erede.

Si tratta del nuovo formato XQD, le cui schede di memoria, con dimensioni più contenute di quelle di una CompactFlash (38,5×29,8×3,8 mm contro 42,8×36,4×3,3 mm per il Tipo I) ma superiori a quelle di una SD (21,5x20x1,4 mm), grazie all’interfaccia di tipo PCI Express sono molto più veloci: da 1 Gbit/s in lettura e scrittura (circa 125 MB/s) fino a valori prossimi ai 5 Gbit/s (circa 640 MB/s). Le capacità di memorizzazione invece si attesteranno presto sui 2 TB.

Velocità e tagli che puntano a soddisfare le esigenze sia dei fotografi professionisti che degli utenti evoluti che sempre più spesso hanno la necessità di archiviare scatti a raffica ad altissima risoluzione e in formato RAW, oltre che di registrare, mediante la propria reflex, video ad alta definizione secondo lo standard Full HD (1.080p).

Fra le case che hanno collaborato allo sviluppo del nuovo standard, insieme a SanDisk e a Sony, c’è Nikon. La casa giapponese ha inoltre introdotto sul mercato la prima reflex compatibile XQD: la nuova top di gamma Nikon D4. La prima a immettere sul mercato le schede XQD sarà invece l’americana Lexar, che ormai da diversi anni supporta egregiamente Nikon nei suoi primati. La casa di Fremont, California, fra le principali firme nel settore delle memory card e più in generale dei semiconduttori, distribuita in Italia dall’azienda torinese Nital, ha infatti annunciato che dal mese di luglio supporterà le schede XQD compatibili con la reflex Nikon D4 e con tutte le fotocamere basate sul nuovo standard. Più precisamente, le prime schede Lexar XQD garantiranno una velocità massima di trasferimento dati pari a 2,5 Gb/s (320 MB/s), parecchio superiore alla velocità offerta da una delle migliori CompactFlash oggi disponibili a scaffale, la Lexar Professional 1000x UDMA 7, la cui velocità di lettura garantita è di 150 MB/s MB/s.

Nikon commenta così l’arrivo del nuovo formato XQD:

Grazie alla collaborazione con Lexar, stiamo rafforzando il concetto che il formato XQD rappresenti una delle caratteristiche future delle schede di memoria ad alte prestazioni. I nostri sforzi di cooperazione dimostrano la visione condivisa da Nikon e Lexar nel far progredire il settore fotografico e dell’imaging con tecnologie innovative e prestazioni elevate.

Lexar invece ha commentato così:

Siamo impegnati a offrire soluzioni innovative nel settore della fotografia, motivo per il quale stiamo lavorando con Nikon per offrire e co-fornire le schede di memoria XQD. Riteniamo che lo standard XQD sia uno dei modi più logici per aumentare la velocità dell’interfaccia al di là della tecnologia esistente CompactFlash, offrendo prestazioni fino a 5 Gb/s, quando necessario. Questa collaborazione assicura la piena compatibilità tra le schede di memoria Lexar XQD e la Nikon D4, rendendo questa tecnologia disponibile per l’intero settore della fotografia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS