Ue apre inchiesta antitrust su Microsoft per browser web

475
0
CONDIVIDI

La Commissione Ue ha aperto un’inchiesta antitrust su Microsoft per valutare se il gruppo ha mantenuto gli impegni presi nel 2009 sulla scelta del broser web. Sulla base delle informazioni raccolte, Bruxelles ritiene che Microsoft potrebbe non aver esteso la schermata di scelta a Windows 7 Service Pack 1, uscito a febbraio 2011.

Questo nonostante lo scorso dicembre Microsoft abbia indicato nella sua relazione annuale alla Commissione che era in conformità con gli obblighi assunti. Da febbraio ad oggi, scrive il braccio esecutivo Ue, “milioni di utenti Windows potrebbero non aver visualizzato la schermata di scelta”. Almunia ha dichiarato che “prendiamo la conformità alle nostre decisioni molto sul serio. E mi sono fidato dei documenti contabili societari che erano accurati. Ma pare che non fosse il caso, così abbiamo subito preso provvedimenti. Qualora, a seguito della nostra indagine, la violazione fosse confermata, Microsoft deve aspettarsi delle sanzioni”.

Microsoft rischia adesso una multa fino al 10% del suo fatturato annuo. Si tratterebbe della terza sanzione, anche se per motivi diversi, inflitta al gruppo del software, dopo la prima da 280,5 milioni di euro di luglio 2006 e la seconda da 899 milioni del 2008.

fonte | theverge

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS