Facebook porta gli utenti alla chirurgia plastica estetica

636
0
CONDIVIDI

In questi ultimi tempi la gente non gradisce affatto il proprio corpo, infatti sappiamo bene che la maggior parte degli utenti su Facebook usa photoshop e programmi simili per modificare ed elaborare le proprie foto. Questo non accade sono nel web ma anche realmente: la Società Americana di Chirurgia Plastica Estetica dice che durante l’ultimo decennio e mezzo c’è stata una ripresa epica delle procedure cosmetiche.

Questo ha convinto molti medici ad accreditare la causa dell’aumento delle operazioni di chirurgia plastica estetica a Facebook, che proprio l’ultimo decennio e mezzo non ha fatto altro che crescere. È difficile accettare un collegamento del genere fra i due, ma non possiamo di certo negare che gli strumenti usati attualmente in questa società moderna si orientano molto sull’aspetto visivo.

Non è soltanto Facebook con le sue foto, ma anche Skype, Twitter, Facetime, Google Hangout e un’altra miriade di applicazioni che utilizzano video chat e foto. Oggi usiamo anche i cellulari per scattare foto e pubblicarle in tempo reale sui social, abbiamo un esempio pratico di come viene usato l’iPhone in questo ambito, e dunque stiamo molto attenti sul modo di guardare e sul giudizio che ci danno gli altri.

Non c’è da stupirsi che la maggior parte delle persone usano Photoshop, ma questo però peggiora soltanto le cose. Ognuno di noi sembra così perfetto e senza alcun problema nelle foto online, ma poi quando ci guardiamo allo specchio ci vediamo meno attraenti da come ci presentiamo su Facebook o su qualsiasi altro social network.

“Quando ti guardi allo specchio vedi l’immagine reale di te stesso” afferma il chirurgo plastico newyorchese Dr. Adam Schaffner. “Ma quando ti guardi sui social media, vedi il modo in cui il mondo ti vede”. Risultato finale: shock e delusione che portano l’individuo ad usufruire dei “benefici” della chirurgia plastica. Sono stati dati addirittura dei nomi specifici alle operazioni che non ci mostrano per quello che siamo realmente, ad esempio “Lift Lifestyle” e “Facelift FaceTime“.

fonte | TechnoBuffalo

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS