AirPod, l’autovettura ad aria compressa

716
1
CONDIVIDI

Cagliari ospiterà la prova dimostrativa della prima autovettura alimentata ad aria compressa. L’Air Pod, questo il nome del modello, sfrutta una tecnologia che offre costi di mantenimento della vettura piuttosto bassi e notevoli vantaggi: il primo fra tutti quella di essere omologato come quadriciclo leggero grande, e di avere un prezzo di circa 7000 euro. Inoltre, secondo il responsabile tecnico della MDI, Cyril Negre, con meno di 1 euro sarà possibile percorrere ben 100km.

Una prospettiva allettante, ma che ha sollevato presso la platea di consumatori e potenziali acquirenti alcuni dubbi sui tempi di ricarica dell’auto, sull’impatto per i consumi di energia e soprattutto sulla diffusione di distributori e officine per manutenzione e riparazioni. La MDI ha però chiarito che anzitutto il costo energetico di alimentazione dell’auto ad aria compressa, resta decisamente economico a fronte di un dispendio impegnativo per ricaricare Air Pod. La ricarica del motore si potrà effettuare presso i distributori appositi, potendo effettuare il pieno in tre minuti; oppure attingendo dalla rete elettrica domestica, con un tempo massimo di tre ore circa per ricaricare l’auto. Sembra quindi che la tecnologia ad aria compressa presentata da MDI non abbia punti oscuri.

Inoltre è già stata annunciata la prossima commercializzazione delle auto. Mentre la vendita non avrà intermediari: bensì le auto saranno acquistabili direttamente dalla fabbrica. Questi i piani di MDI, che vorrebbe installare ben 45 stabilimenti tra Italia e Francia, rendendoli tutti completamente autonomi dal punto di vista produttivo e offrendo maggior copertura possibile in entrambe i Paesi. Abbattuti anche i costi delle concessionarie, la compravendita avverrà realmente dal produttore al consumatore; mentre aumenta la curiosità e l’attesa per quest’auto ad aria compressa, resta ancora difficile capire se davvero questa tecnologia sarà all’altezza delle promesse e delle aspettative di cui si è fatta carico.

fonte | newsenergia

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Max Risk

    “La MDI ha però chiarito che anzitutto il costo energetico di alimentazione dell’auto ad aria compressa, resta decisamente economico a fronte di un dispendio impegnativo per ricaricare Air Pod”

    Che cosa significa?