Nokia: fallimento dietro l’angolo?

1106
1
CONDIVIDI

Questo è senz’altro un periodo molto buio per Nokia. L’agenzia di rating Moody, ha portato le valutazioni di Nokia ad un livello davvero basso, citando le basse e lente vendite di terminali con Windows Phone 7, e il rapido consumo di fondi rimasti a disposizione della società.

Moody, tuttavia non è la prima agenzia di rating che si scaglia contro Nokia, dato che già in precedenza due altri grossi nomi per questo settore come S&P e Fitch, avevano già abbassato l’indice di gradimento della società finlandese, da parte di investitori ormai poco invogliati all’acquisto di obbligazioni, dato il probabile tracollo finanziario che Nokia potrebbe subire davvero a breve.

Nella settimana appena passata, Nokia ha infatti annunciato il licenziamento di 10’000 persone e abbassato le previsioni di guadagno per il secondo trimestre del 2012. Il titolo Nokia, successivamente a questo annuncio ha registrato un ulteriore picco verso il basso provocando un -15%. Questo si è aggiunto ad un anno iniziato già male, che ha portato Nokia a perdere ben il 50% del valore delle obbligazioni da Gennaio ad oggi.

Riuscirà Nokia a riprendersi? Questo resta un mistero. Ciò che è certo, è che licenziare il proprio personale, e vedere che l’unione con Windows Phone (visto da tanti come l’ultima spiaggia di Nokia) non ha portato ai risultati sperati, non fa di certo sperare ad un futuro roseo per la società. A questo punto cosa rimane da fare a Nokia? Una partnership con Android?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS
  • Una partnership con Android non servirebbe a nulla. Il crollo di Nokia sta avvenendo poichè sta crollando quello che nel decennio scorso è stato la fonte principale del suo Cash Flow: il mercato Low-End. Nell’High-end sta pagando ora lo scotto di errate scelte da parte del management, che nel 2006 non ebbero il coraggio di intraprendere una strada azzardata, ma che alla lunga sarebbestata la vincente: entrare in quello che poi sarebbe diventuo il mercato High-End della telefonia mobile, cioè smartphone e tablet. Il perchè lo fecero sembra sia da attribuire alla poca considerazione che avevano per quello che allora era il mercato palamare, e sulla bassa penetrazione che questo aveva avuto al di fuori degli USA. Sul mio blog ho fatto diverse analisi di mercato su quello che è stato lo sconvolgimento di mercato nell’ultimo anno. http://www.just-the-reverse.com/mercato-telefoni-cellulari-2012/ e http://www.just-the-reverse.com/quote-di-mercato-samsung-nokia/