Megaupload: giudice obbliga FBI a copiare 150 TB di dati

317
0
CONDIVIDI

Nuovi sviluppi sul processo del dipartimento della giustizia contro Megaupload. Nella giornata di ieri infatti, il giudice della corte suprema neozelandese Helen Winkelmann, ha sancito che l’FBI copi oltre 150 TB di dati dai computer sequestrati a Kim Dotcom (proprietario del sito di file-hosting).

Questa scelta, si ricollega a ciò di cui abbiamo parlato qualche settimana fa, e vuole permettere al proprietario di Megaupload di potersi difendere al meglio dalle accuse del dipartimento di giustizia degli Stati Uniti d’America, nel desiderio di rendere il processo il più possibile giusto ed equo.

Nonostante l’ordine di copiare 150 TB di dati, il dipartimento di giustizia non ha ancora dato risposta ai legittimi proprietari del materiale caricato sul noto sito, che domandano dove si trovino i loro dati, e soprattutto che misure di sicurezze il dipartimento di giustizia sta usando nel gestirli.

Anche l’ex giudice federale Abraham David Sofaer ha espresso dubbi sul comportamento dell’FBI e del dipartimento di giustizia, definendo il modo in cui stanno operando <<oltraggioso>>

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS