Layar Creator crea un ponte tra realtà cartacea e digitale

822
0
CONDIVIDI

Diverse compagnie e testate giornalistiche nel corso degli ultimi anni, e in particolare degli ultimi mesi, si sono preoccupate di trovare il giusto equilibrio tra realtà cartacea, e realtà digitale. Anche in Italia, questo fenomeno si è iniziato a far sentire ultimamente, e diverse testate hanno iniziato a rilasciare le loro app tramite i vari Store, rendendole addirittura compatibili in iOS5 con la funzionalità “Edicola“. Tra questi, solo per fare qualche nome, il Corriere, la Gazzetta, Repubblica e Panorama, hanno avviato un loro processo di digitalizzazione, ognuno con i propri modi e tempi.

Layar, tuttavia, con il suo software di realtà aumentata, vuole rendere “il mondo cliccabile”, e probabilmente la mossa sarà vincente in quanto facendolo non ha intenzione di demolire il cartaceo, anzi, l’obiettivo è quello di coniugare ciò che cartaceo con ciò che non lo è, permettendo ad un giornalista di linkare un video ad un articolo su un giornale cartaceo, piuttosto che creare collegamenti ipertestuali. Il ponte tra realtà fisica e virtuale sarebbe proprio il software Layar disponibile già da diverso tempo per iOS e Android, che permetterebbe attraverso la fotocamera del dispositivo in nostro possesso di mostrarci tutto ciò che si potrebbe nascondere nelle pagine di una rivista.

La nuova Web-App, Layar Creator, è gratuita se si riesce a collegare le pagine ai contenuti multimediali entro il primo agosto. Il procedimento è davvero semplice: si parte, ad esempio, da un PDF del vostro magazine o giornale, che caricato sui server Layar, viene modificato aggiungendo pulsanti e/o contenuti attraverso un’interfaccia davvero User-Friendly. Terminata questa fase, si pubblica, e da quel momento, inquadrando la pagina della rivista alla quale è stata collegata la funzione multimediale, con la fotocamere del vostro dispositivo iOS o Android, si potrà godere appieno del contenuto multimediale.

Nel caso in cui non vi sia possibile caricare e modificare entro il primo agosto i dati, linkare le pagine verrà a costare 999€ scegliendo un bundle di 100 pagine, oppure 18,65€ a pagina.

Vi lascio ad un semplice video esemplificativo per farvi capire meglio come funziona il processo di digitalizzazione, che a mio parere, potrebbe rappresentare davvero un grosso passo avanti nel modo di leggere un quotidiano, o una rivista, unendo due mondi così diversi ma entrambi funzionali, ognuno con i propri pro e contro, lasciando ad ognuno i propri punti di forza. E voi, cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS