Android cede un po’ il passo ad iOS nel mercato statunitense, durante il mese di Aprile

480
0
CONDIVIDI

I dati raccolti da comScore MobiLens nella loro ultima indagine di mercato, hanno dimostrato, come Apple abbia mantenuto un ritmo costante nelle quote di mercato statunitensi per tutto il mese di Aprile, mentre invece Android ha segnato un leggero calo della quota durante lo stesso periodo.

Per l’indagine è stato scelto un campione di 30000 utenti di telefonia mobile, ed è stato verificato che durante il trimestre Febbraio-Aprile, Android è comunque rimasta la piattaforma americana più diffusa, riuscendo a guadagnare 2,2 punti percentuali terminando il periodo con una quota del marcato pari al 50,8%. Nonostante questo, però, c’è comunque da evidenziare che le quote hanno registrato un calo nell’ultimo mese di analisi, infatti alla fine di Marzo, la piattaforma aveva una quota di mercato pari al 51%, che è quindi scesa nel solo mese di Aprile dello 0,2%.

Apple, invece, ha terminato questo trimestre con un incremento del 1,9% rispetto al passato, raggiungendo una quota di mercato americano pari al 31,4%. L’iPhone ha guadagnato 0,7 punti in Aprile ed è stato uno delle due piattaforme tra le cinque analizzate, a guadagnare le maggiori quote di mercato.

I Nokia equipaggiati con Windows Phone, hanno aiutato la neonata piattaforma a guadagnare a stento 0,1%, mentre RIM e Symbian hanno continuato a perdere terreno, segnando rispettivamente uno -0,7% e -0,1%.

E’ inoltre emerso dall’analisi che più di 107 milioni di persone al termine di Aprile possiedono uno smartphone, segno di un incredibile aumento di 6 punti percentuali da Gennaio. Insieme a più smartphone venduti, questo trimestre ha segnato un download di app più sfrenato con un incremento di 1,6 punti percentuali, e un utilizzo dei browser pari allo 0,5% in più. Inoltre fa anche riflettere come il mercato degli SMS inizi a mostrare le prime avvisaglie di inutilizzo con un calo dello 0,5%, anche se ancora questa piattaforma viene prontamente usata dal 74,1% degli utilizzatori di smartphone.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright OVERPRESS